Report vaccinazioni in Italia (NEW)
Coronavirus nel mondo (NEW)

Premio Best Value Award Puglia, al via la II° edizione, martedì, 31 gennaio, ore 17.30, presso il Consorzio industriale di Bari

Premio Best Value Award Puglia, al via la II° edizione, martedì, 31 gennaio, ore 17.30, presso il Consorzio industriale di Bari

Premio Best Value Award Puglia L’evento, promosso da Imprenditore Smart spa (società di consulenza strategica) e dal Consorzio Mestieri Puglia (agenzia per il lavoro accreditata dalla Regione Puglia) per premiare le aziende che creano valore, … continua a leggere

Bari e provincia, furti con scasso ai self-service di tabaccherie e stazioni di servizio, i carabinieri arrestano 4 persone

Bari e provincia, furti con scasso ai self-service di tabaccherie e stazioni di servizio, i carabinieri arrestano 4 persone

I carabinieri di Modugno, con il supporto dei militari di Palestrina (RM), hanno eseguito quattro arresti (tre uomini e una donna) residenti a Sannicandro di Bari, Toritto e Cave (RM). Secondo l’accusa, i tre uomini … continua a leggere

Bari, Fiamme e fumo alla Recuperi Pugliesi, sul posto i Vigili del Fuoco e un canadair. Bonasia, “Situazione sotto controllo”

Bari, Fiamme e fumo alla Recuperi Pugliesi, sul posto i Vigili del Fuoco e un canadair. Bonasia, "Situazione sotto controllo"

Sul posto anche diversi volontari della protezione civile. L’incendio è divampato, oggi, in tarda mattinata e ha invaso l’azienda, sita nella zona industriale di Modugno, producendo alte e dense colonne di fumo nero e maleodorante. … continua a leggere

Modugno, Omicidio, detenzione e porto illegale di armi aggravati dal metodo mafioso. Arrestate due persone in concorso

Modugno, Omicidio, detenzione e porto illegale di armi aggravati dal metodo mafioso. Arrestate due persone in concorso

I Carabinieri del ROS e del locale Comando Provinciale di Bari hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip del locale Tribunale, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, nella quale vengono riconosciuti … continua a leggere

Modugno e Grumo, estorsione, minacce e percosse ai danni di un 31enne, arrestate 5 persone

Modugno, estorsione, minacce e percosse ai danni di un 31nne, arrestate 5 persone

 I Carabinieri di Modugno, hanno dato esecuzione a un provvedimento restrittivo (quattro in carcere e una ai domiciliari) a carico di cinque persone (tre uomini e due donne) abitanti a Grumo Appula, Mola di Bari e Bari – Loseto.

Secondo l’accusa accolta dal GIP (fatta salva la valutazione nelle fasi successive con il contributo della difesa), gli indagati sarebbero colpevoli, a vario titolo, di un’estorsione aggravata, con violazione del domicilio, commessa a vario titolo dai soggetti nei confronti di un 31enne di Grumo Appula.

I fatti, sarebbero avvenuti tra luglio e agosto scorso, quando i cinque, in diverse occasioni, avrebbero picchiato il 31enne e minacciato anche alcuni membri della sua famiglia, per ottenere il pagamento di una partita di droga che l’uomo aveva acquistato da uno di loro.

 Sembrerebbe, infatti, che il giovane, nell’ultimo anno, avesse comprato cocaina e marijuana, per un valore di oltre 50.000 euro, con una frequenza di almeno due tre volte alla settimana, impegnandosi a pagarla posticipatamente.

Ricostruiti i fatti, sotto la direzione dell’A.G. di Bari, dopo la completa identificazione degli aggressori da parte dei militari di Grumo Appula, quattro dei cinque indagati, sono stati accompagnati presso le case circondariali di Brindisi, Taranto e Matera, mentre una delle due donne, il quinto soggetto, è stata arrestata ai domiciliari, a disposizione dell’A.G..

È importante sottolineare che il procedimento si trova nella fase delle indagini preliminari e che, all’esecuzione della misura cautelare odierna, seguirà l’interrogatorio di garanzia e il confronto con la difesa degli indagati, la cui eventuale colpevolezza, in ordine ai reati contestati, dovrà essere accertata in sede di processo nel contraddittorio tra le parti.

https://www.facebook.com/WideNewsNotizieDalWeb

Modugno, i Carabinieri arrestano 2 persone per detenzione illegale di armi e spaccio di droga

Modugno, i Carabinieri arrestano 2 persone per detenzione illegale di armi e spaccio di droga

Modugno, i Carabinieri trovano armi e droga in casa di due pregiudicati

Due distinte operazioni durante le quali i carabinieri hanno arrestato in flagranza di reato Z.P. e P.S., rispettivamente di 47 e 43 anni.

A carico dei due, entrambi di Modugno, sussistono gravi indizi di colpevolezza (accertamenti compiuti nella fase delle indagini preliminari che necessitano della successiva verifica processuale nel contraddittorio con la difesa), per “detenzione illegale di arma da guerra, di arma comune da sparo, ricettazione e detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti” e per “detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente”.

La notte scorsa, i militari hanno notato il 47enne a bordo della sua auto, mentre entrava in un vicolo cieco del centro abitato di Modugno. Durante l’osservazione, lo hanno visto scendere dal mezzo per dirigersi con decisione verso una siepe con l’intento di nascondere qualcosa. Subito bloccato, l’uomo è stato perquisito prima a livello personale, poi veicolare.

Trovato in possesso di una busta contenente 96 grammi di hashish, di un bilancino di precisione e di due mazzi di chiavi, di cui uno relativo all’appartamento  della madre defunta, i carabinieri hanno deciso di estendere i controlli anche a questa abitazione, peraltro disabitata. All’interno del salone, avvolte in lenzuola e in alcuni sacchi per la spazzatura, hanno trovato diverse armi. I particolare un kalashnikov, privo di calciolo, con caricatore contenente 18 cartucce, un fucile da caccia cal.12, rubato in provincia di Alessandria nel 2016 con una cartuccia e vario materiale per il confezionamento della droga.

Nello stesso tempo, un’altra pattuglia di Carabinieri di Modugno, notando strani movimenti nei pressi dell’abitazione di un 43 enne con precedenti di polizia, hanno deciso di effettuare una perquisizione. All’interno dell’appartamento hanno trovato una busta di plastica termo sigillata con un chilo e 100 g di cocaina, una con 190 g di hashish, diviso in dosi, e una con 60 g di marijuana.

Dopo la convalida dell’arresto, su richiesta della locale Procura, il gip del tribunale di Bari, ha disposto che i due lasciassero i domiciliari per essere trasferiti in carcere, a disposizione dell’autorità giudiziaria. I carabinieri, inoltre, hanno appurato che il 47 enne percepiva dal 2020 il reddito di cittadinanza, pertanto è stata avviata la procedura per la revoca del bonus.

Si ricorda che il procedimento è nella fase delle indagini preliminari e le responsabilità dei due uomini dovranno essere accertate nel corso del successivo giudizio, con il confronto con la difesa.

https://www.facebook.com/WideNewsNotizieDalWeb