Report vaccinazioni in Italia (NEW)
Coronavirus nel mondo (NEW)

Progetto MIUR #LeScuole, il ‘Tancredi Amicarelli’ di Monte Sant’Angelo e le sue buone pratiche

Tancredi Amicarelli

Ciak, telecamere in spalla e l’IC ‘Tancredi Amicarelli’, per un po’, si è trasformato in un piccolo set. Attori e attrici in erba hanno dato il loro contributo partecipando ad un interessante progetto del MIUR, finalizzato a documentare la quotidianità di una scuola. Storie di solidarietà, progetti di inclusione e sostenibilità, insomma tutto ciò che rientra nelle cosiddette buone pratiche – di cui la scuola è il modello prevalente – è stato diffuso su network e spazi dedicati. Se vogliamo un modo per partecipare agli altri le professionalità e le competenze della scuola in generale, la sua portata e ciò di cui essa è capace, nonostante il covid, la dad, la did: nonostante tutto.

Ed è in quest’ottica che dobbiamo immaginare i piccoli, del ‘Tancredi Amicarelli’ di Monte Sant’Angelo: protagonisti vivaci di un progetto attraverso i tanti laboratori messi in campo dalla scuola, da quello musicale (imparando il solfeggio ritmico, la chitarra e la musica elettronica con il ma key-ma key -elettrodi sonori e musicali applicati alla frutta) -, a quello di informatica e filosofia per ragazzi e bambini, fino alla lettura dei testi del Sommo Poeta per i piccolissimi della primaria. Senza dimenticare l’arte, il cui laboratorio ha permesso di dipingere – in un clima inclusivo – le pareti della scuola, con murales ispirati alla natura e all’educazione civica.

Dulcis in fundo e fiore all’occhiello della scuola, la ‘Comunicazione’, verso cui il ‘Tancredi Amicarelli’ nutre una particolare attenzione. Lo confermano i racconti della web radio dell’Istituto (Tutta n’ata radio) e le pagine autobiografie prodotte on line durante la pandemia. Poi, i numerosi collegamenti (anche internazionali) e gli ospiti di grande spessore accolti dalla scuola, hanno permesso di ampliare ulteriormente l’intero progetto.

“Sono soddisfatta di aver aiutato a far emergere una scuola di comunità – ha spiegato Matilde Iaccarino, Dirigente Scolastica dell’istituto comprensivo -, una scuola orientata verso forme di apprendimento inclusive, attive e significative, rispettosa delle radici ma proiettata verso le novità culturali e didattiche”.