Report vaccinazioni in Italia (NEW)
Coronavirus nel mondo (NEW)

Vlora: un prezioso carico di Umanità, Lunedì 8 agosto, alle18.30, in Largo “Sono persone” a San Girolamo di Bari

Vlora: un prezioso carico di Umanità, Lunedì 8 agosto, alle18.30, in Largo “Sono persone” a San Girolamo di Bari

Vlora, per non dimenticare un grande esodo nella storia dell’immigrazione. È l’8 agosto 1991 quando una nave mercantile Vlora, rientrando da Cuba, trasportando diecimila tonnellate di zucchero, arriva al porto di Durazzo, in Albania. Non … continua a leggere

Bari Loseto, Fratres, donatori sangue, “Danza e sogna sulle rive del mare”, con i ballerini di Cipro, Stati Uniti e Marocco

Bari Loseto, Fratres, donatori sangue, “Danza e sogna sulle rive del mare”, con i ballerini di Cipro, Stati Uniti e Marocco.

Oggi, 6 agosto, dalle 8 alle 11, presso la parrocchia del Salvatore Presso la parrocchia del Salvatore di Bari Loseto è in corso una giornata straordinaria di donazione del sangue. L’iniziativa nasce dall’accordo di programma … continua a leggere

Incongruenze e incarichi che si sovrappongono e la trasparenza diventa opacità, dubbi sulla nomina del Direttore Generale ASL BA: Confintesa – UGS Medici  vuole chiarimenti

Incongruenze e incarichi che si sovrappongono e la trasparenza diventa opacità, dubbi sulla nomina del Direttore Generale ASL BA: Confintesa - UGS Medici  vuole chiarimenti

Confintesa – UGS Medici  A battere i pugni sul tavolo con un documento, inviato all’Autorità Nazionale Anticorruzione di Roma e alla Regione Puglia, in cui si chiede di verificare la legittimità della nomina a Direttore … continua a leggere

Di Mediterraneo in Mediterraneo, Festival francese di Poesia “Voix Vives” 2022, a Sète anche il nostro Renato Villani

Di Mediterraneo in Mediterraneo, Festival francese di Poesia “Voix Vives” 2022, a Sète, anche il nostro Renato Villani

Le poesie di Renato Villani, l’arte di raccontare l’inneffabile

Nella cittadina francese di Sète (Occitania), da Venerdì 22 a Sabato 30 luglio, si è svolto l’annuale festival di poesia ‘Voix Vives’ 2022 (Voci Vive). Un appuntamento importante per artisti, poeti e amanti della poesia, provenienti da tutto il bacino del Mediterraneo.

Le finalità sono molteplici, in quanto l’evento non è aperto solo ai cultori dell’ ‘arte di esprimersi in versi’ o a chi ne possiede il dono innato, ma è rivolto a tutti coloro che delle rime vorrebbero conoscerne ‘il mistero’ profondo.

Poiché la possibilità di comporre odi, effettivamente, rimane un fatto inspiegabile, legato perlopiù alle particolari attitudini che solo alcuni hanno. Potremmo senz’altro dire, legato al mistero stesso della persona, o meglio, di quella specifica persona, detentrice della straordinaria capacità.

E come tutti i misteri, trascendono la ragione, la superano, si elevano, come nel caso della poesia. Alla fine, non rimane che l’ascolto attento e silenzioso, per evitare che perfino il suono della (propria) voce contamini il mormorio sommesso e delicato che le liriche sollecitano all’interno del proprio essere.

Tutto questo esprimono le poesie di Renato Villani, barese di nascita, ma capursese di adozione.
Il poeta di odi ne ha scritte tante, in lingua francese e in italiano, se consideriamo le traduzioni. Versi da brivido. Riflessioni altissime. Moti dell’anima. Capolavori. Ecco, il nostro Renato Villani ha presenziato questo importante appuntamento portando con sé il suo bagaglio di emozioni, stati d’animo, considerazioni.

Un successo? Molto di più. In un Paese in cui, alla poesia hanno riservato un posto di prim’ordine, abitualmente declamata nelle scuole, da quelle dell’infanzia all’università, Renato Villani è lì a rappresentarci tutti, con la sua umiltà, silenziosità, lontano da ogni roboante apparire.

Di Mediterraneo in Mediterraneo, Festival francese di Poesia “Voix Vives” 2022, a Sète, anche il nostro Renato Villani

“Il festival di  Sète – racconta Villani – si realizza da 25 anni e sempre nel mese di luglio. Ogni volta che vengo, per me è un’emozione. Non è solo il declamare le mie poesie a emozionarmi, ma è l’essere circondato da artisti, narratori, musicisti, cantanti e attori che, con il loro talento, permettono di vivere la poesia secondo approcci diversi. Poi, c’è l’aspetto ambientale – continua Villani -, voglio dire che tutto si svolge, giornalmente, per strada, nelle piazze, nei giardini pubblici o nei luoghi di cultura, di cui la città è ricca. Quindi, oltre al bell’ascolto, c’è il bel vedere. La possibilità, cioè, di godere delle bellezze naturali e architettoniche che il luogo offre. Ma la cosa che colpisce in assoluto, lo dico senza alcuna retorica, è il risuonare ininterrotto della parola ‘ pace’. La verità, è che la parola dei poeti, diretta, sintetica, armoniosa o dura, la rivela subito e, soprattutto, rivela quelle evidenze che a volte non si sanno o non si osano formulare. Evidenze, sepolte nel quotidiano, che acceca e soffoca, poiché la parola dei poeti grida tutte le verità, tutti i drammi, tutte le gioie e le speranze di rinnovamento per un domani migliore”.

Di Mediterraneo in Mediterraneo, Festival francese di Poesia “Voix Vives” 2022, a Sète, anche il nostro Renato Villani

Salvini a Bari, pensioni, caro vita, flat tax e tanto altro, ieri al Trampolino, il programma del leader leghista

Salvini a Bari, pensioni, caro vita, flat tax e tanto altro, ieri al Trampolino, il programma del leader leghista

Erano oltre 400, i partecipanti all’evento pugliese organizzato dalla Lega presso il lido barese “Il Trampolino”. La manifestazione, coordinata dal segretario Cittadino Fabio Romito, ha riunito quadri dirigenziali del partito, a livello regionale, fan e sostenitori, ma anche molti curiosi, mossi dal desiderio di conoscere “più da vicino” il programma del leader del Carroccio.

Tanti i temi toccati, dal caro vita all’abolizione della legge Fornero, fino alla rivalutazione di diverse misure come quota 100. Ma si è parlato anche di razionalizzare i contenziosi fiscali, con l’attivazione strutturale della rottamazione delle cartelle per rimettere in ordine e rimpinguare i conti e le casse dello Stato.

“Ieri – ha detto Amedeo Nardi, sostenitore e componente della Lega Bari -, si è percepita la voglia estrema di cambiamento rispetto allo staticismo di una politica di sinistra appiattita su tematiche che non sono dedicate a migliorare la qualità della vita al popolo italiano, a partire dalla sicurezza”.

L’imprenditore barese Amedeo Nardi e il leader nazionale Salvini

Salvini ha poi parlato di cambiamenti sostanziali dell’azione di un Governo di centro destra, in cui si invertirà totalmente l’operatività legislativa indirizzandola, principalmente, alla risoluzione delle criticità dei cittadini italiani. L’attenzione, è stata poi rivolta, alla questione “migranti”, su cui il leader del Carroccio si è a lungo soffermato, evidenziando quanto sia importante mettere un argine al loro flusso, diventato ormai inarrestabile, che sta, letteralmente, mettendo in ginocchio i conti dell’Inps.

“Per noi imprenditori – ha detto ancora Nardi, riprendendo le parole di Salvini -, eliminare i limiti di utilizzo del denaro contante per rendere più snella e meno burocratizzata la gestione del conto corrente personale è diventata una necessità. Così com’è diventato insostenibile l’obbligo di doversi confrontare continuamente con le Banche e con lo Stato, per dire come si vogliono utilizzare i propri soldi. Cose – ha concluso Nardi – che esistono solo negli Stati di Polizia”.

Durante la convention, Salvini ha anche parlato di Scuola, Dad, di politiche agricole ed energetiche per ridurre le spese e la dipendenza dagli altri Paesi. Ha parlato di giovani e di lavoro e di sinergie progettuali didattico formative da attuare tra le aziende e la Scuola. E ancora, di supporti concreti per tutte quelle imprese che vorranno investire nel nostro Paese con l’obiettivo di creare occupazione, partendo da una riorganizzazione e riduzione dei costi del lavoro.

Per questo, ha affermato Salvini, “sarà necessario selezionare figure di altissimo profilo, capaci di svolgere al massimo, nei comparti ministeriali, cui saranno destinati, le loro competenze”.

https://www.facebook.com/WideNewsNotizieDalWeb

Bari, AMASI a Lourdes con i suoi volontari e ammalati, la Presidente Accardi “Porteremo parte della nostra città ai piedi della Vergine”

Bari, AMASI a Lourdes con i suoi volontari e ammalati, la Presidente Accardi “Porteremo parte della nostra città ai piedi della Vergine”

Bari, AMASI a Lourdes

“Parte della nostra città”, ciò di cui parla Maria Rosaria Accardi,  sono le 189 persone, tra disabili, volontari, sacerdoti, medici e pellegrini, della grande famiglia AMASI Bari, l’Associazione Mariana di Assistenza e Sollievo degli Infermi, pronta a partire per Lourdes.

Venerdì 5 agosto, alle 7, volontari e ammalati,  si imbarcheranno, infatti, su un volo a loro totalmente dedicato, con l’unico obiettivo di raggiungere Lourdes per inginocchiarsi ai piedi della Vergine Maria e mettere, in quelle sacre mani, le proprie personali istanze e sofferenze, ma anche quelle di una intera umanità.

Lasciare occupazioni, lavoro, abbandonando l’idea della ‘vacanza’ per dedicare tempo e sprazzi della propria vita agli altri è qualcosa che esula e va oltre la nobiltà d’animo. È piuttosto l’idea di una Trascendenza desiderata, compresa, accettata. Ma è anche la volontà di una Trascendenza che intende mostrarsi, diventare reale, concreta. Vera.

A partire per Lourdes , dunque, non saranno solo le 189 persone, ma l’intera città di Bari ed è per questo che una delegazione di AMASI, ieri, martedì 2 agosto, alle 16:00 è stata ricevuta dal sindaco Antonio Decaro.

Tra le tante domande e risposte anche la richiesta da parte dell’Associazione di una sede dove i soci potranno ritrovarsi per continuare il loro cammino di solidarietà a favore dei sofferenti. Non si esclude la possibilità di ottenerla fra i beni sottratti alla mafia. “Fate domanda – ha suggerito Decaro – i bandi sono sempre aperti”.

Per Maria Rosaria Accardi, “Questo pellegrinaggio, come quello dell’anno scorso, è simbolo di pace e speranza” e “ soprattutto rappresenta il superamento delle barriere che questi tempi ci hanno imposto”. La verità è che , “I nostri volontari non hanno mai mollato – replica – e che il lavoro è continuato incessantemente anche quando le speranze sembravano essere finite”. “Ci auguriamo – ha concluso Maria Accardi – di far vivere giorni di serenità, gioia e pace a tutti i partecipanti”, e, soprattutto , “di portare un pezzo della nostra città ai piedi della Vergine nella grotta di Massabielle, cantando e pregando per la pace nel mondo”.

https://www.facebook.com/WideNewsNotizieDalWeb