Report vaccinazioni in Italia (NEW)
Coronavirus nel mondo (NEW)

Capurso, Scuole, Premio Mozart, i ragazzi dell’orchestra “Le Leggende del Suono” conquistano tutto (i). Le Dirigenti, “Straordinari. Siamo orgogliose”

Capurso, Scuole Ancora una volta i nostri ragazzi si sono fatti valere. Si tratta degli alunni dei due Istituti comprensivi di Capurso, “S.G. Bosco-Venisti e Savio-Montalcini” plurivincitori della seconda edizione del concorso nazionale Premio Mozart … continua a leggere

Capurso, Scuola Bosco-Venisti, Concorso della Rimembranza 2021/22, il primo posto agli ‘Stormi’, ma a vincere, ancora una volta, è il futuro

Capurso, Scuola Bosco-Venisti, Concorso della Rimembranza 2021/22, il primo posto agli ‘Stormi’, ma a vincere, ancora una volta, è il futuro

Metti insieme, una scuola, 24 studenti, una docente, un esperto, un concorso ed il gioco è fatto. Questo per annunciare che il Parco (capursese) della Rimembranza, in largo San Francesco, si arricchirà di una specialissima installazione in ricordo delle 58 vittime della prima guerra mondiale.

Speciale perché a realizzarla sono stati 24 giovani studenti delle classi terze (A – B –  C) della ‘Venisti’. Ragazzi che, passando dai libri di storia a quelli di tecnologia, sono riusciti a rendere vivo e ancora attuale il ricordo di un complicato e doloroso periodo storico che ha lasciato sul campo il sangue di altri giovani figli di questa terra.

La ‘rimembranza’, dunque, parte dai giovani per raggiungere altri giovani, attraverso un cammino a ritroso, in cui l’intelligenza, la creatività, la progettazione e la manualità sono stati gli elementi di spicco, che hanno consentito al passato e al futuro di incontrarsi su un altro e più fertile terreno, quello dell’arte, del sapere e della conoscenza.

Il laboratorio (PON/FSE 10.2.2A-FSEPON-PU-2021-163 – A scuola si può) nasce a scuola per il ‘Concorso idee Parco della Rimembranza’, un bando istituito dal Comune di Capurso nel 2020/21 (a seguire), all’interno del pof  territoriale. Referente  del progetto è la docente di tecnologia Rossella Sorino, mentre l’esperto è l’architetto Alessio Verdolino.

5 i gruppi che hanno dato vita al progetto: gli ‘Stormi’- il gruppo vincitore -, con Morena Zotta, Giorgia Morisco, Leonardo Bellomo, Antonio Perilli, le ‘Mani’, gruppo composto da Silvia Scisciolo,  Marianna Stolfa, Francesco Timpano, Alessandro Gernone, la ‘Terra in Equilibrio’ con Marco Monno, Michelangelo Patano, Martina Donna, Sara Fortunato, Daniel Gernone, lo ‘Specchio’ costituito da Antonio Di Fonzo, Monica Martina, Gennaro Martino, Rosmery Ragno, Claudia Consalvo ed infine, il gruppo ‘Dente di Leone’, composto da Giuseppe Laricchia, Sabrina Lucci, Elena Mola, Gabriele Guerra.

“Già nello scorso anno – ha spiegato la Dirigente Rosa Lisa Denicolò – abbiamo proposto ai nostri ragazzi un percorso extracurricolare che li ha visti disegnare, progettare e realizzare i manufatti da loro ideati. L’occasione di fruire di finanziamenti europei e portare avanti un’idea progettuale che ben si intrecciava con le attività curricolari e il concorso previsto dal Pof territoriale ci è sembrata ghiotta e non ce la siamo fatta sfuggire. Guardando da spettatrice attenta ai ragazzi, durante il percorso, ho potuto apprezzare come questi si sono lasciati coinvolgere nel loro processo di apprendimento e di crescita. Il laboratorio proposto – ha aggiunto la Dirigente – è diventato una fucina di idee dove gli studenti hanno potuto esprimere liberamente i propri pensieri che hanno condiviso nel piccolo e nel grande gruppo, hanno saputo lavorare in squadra distribuendosi compiti e hanno portato a casa una bella esperienza ed una vittoria. Questa è la scuola che ci piace – ha poi concluso – dove le giovani generazioni acquisiscono non solo conoscenze e competenze ma quelle ‘soft skills’ che gli consentiranno in futuro di essere cittadini attivi e partecipi di una comunità alla quale appartengono.”

Progetto:
Programma Operativo Nazionale “Per la Scuola – competenze e ambienti per l’apprendimento” 2014-2020. Asse I – Istruzione – Fondo Sociale Europeo (FSE)
Obiettivo specifico 10.2 – Miglioramento delle competenze chiave degli allievi
Sotto-azione 10.2.2A – Competenze di base
Progetto 10.2.2A-FSEPON-PU-2021-163 – A scuola si può
Modulo “Design thinking per giovani creativi”

https://www.facebook.com/WideNewsNotizieDalWeb

Mola, “Una Fiaba è… per Sempre”, al via l’8° ed. del concorso di scrittura creativa in ricordo della piccola Giorgia Russo

Mola, "Una Fiaba è... per Sempre", al via l’8° ed. del concorso di scrittura creativa in ricordo della piccola Giorgia Russo

Mola, “Una Fiaba è… per Sempre” un concorso in ricordo di Giorgia Russo Non c’è dolore più forte e sconvolgente della perdita di un figlio. Eppure questi coraggiosi genitori hanno saputo trasformare la loro sofferenza … continua a leggere

Capurso, ‘Nel nome di Alberto Burri’, dell’arte e di coloro che in questo credono

Alberto Burri
Altri credits nei titoli di coda del video, che vi invitiamo a guardare sul canale Montalcini Performances

Ancora e sempre la scuola in prima pagina. Stavolta però la circostanza è speciale perché si parla di eccellenza. Sapere che le nostre ragazze e i nostri ragazzi si sono distinti per capacità progettuale e bravura, sapere che il loro desiderio di conoscere e sperimentarsi, ha prevalso su tutto e nonostante tutto, non può che inorgoglirci.

Il richiamo va ai percussionisti Mattia, Mariantonietta, Anna, Giorgia e Carol, gli alunni di seconda media della scuola ‘Rita Levi Montalcini”, di Capurso, che sono stati insigniti, con il professore Giuseppe Di Pinto, di un importante riconoscimento intitolato ad Alberto Burri, alla cui arte i nostri giovani si sono ispirati per la realizzazione di una clip musicale.

Ma l’evento assume un ulteriore carattere di bellezza e straordinarietà proprio per gli ultimi accadimenti che hanno visto la scuola martoriata a causa della pandemia. Per questo, il premio di sabato 8 maggio 2021, ricevuto dalla Fondazione Palazzo Albizzini-Collezione Burri, nell’ambito della XXII edizione del Concorso Musicale Nazionale “Enrico Zangarelli”,  per la clip “Sounds… in the Name of Alberto Burri”, non può che essere dedicato all’intera scuola, all’arte, alla cultura, alla vita.

Al concorso, tenutosi a Città di Castello, in provincia di Perugia, dal 6 all’8 maggio, in modalità online, hanno partecipato una sessantina di scuole italiane con la presentazione di oltre 130 video.

“Per noi, questo premio non è solo la gratificazione del lavoro tenace che le ragazze e i ragazzi hanno svolto durante tutto l’anno – fa sapere la Dirigente scolastica Francesca De Ruggieri – ma rappresenta anche simbolicamente un momento di rinascita, di ritorno ad una scuola normale in cui tutti, alunne, alunni e docenti, possono sentirsi liberi di sperimentare percorsi formativi e di crescita, personale e intellettuale”.

“Il nostro grazie va anche alla nostra Amministrazione comunale  – dice il professore Di Pinto – che ha messo a disposizione risorse e spazi per la realizzazione del video, che rientra fra le attività formative del POFT 2021”.

https://www.facebook.com/WideNewsNotizieDalWeb