Report vaccinazioni in Italia (NEW)
Coronavirus nel mondo (NEW)

Corato, rapinarono un fruttivendolo, tentando anche un’estorsione, arrestati 4 pregiudicati

Corato, rapinarono un fruttivendolo, tentando anche un’estorsione, arrestati 4 pregiudicati

Rapinarono e tentarono estorsione ad un fruttivendolo di Corato, i quattro criminali  sono stati arrestati 

Il fatto risale a poco tempo fa quando tre uomini, di cui uno armato di pistola, e un altro che aspettava in auto, intorno alle 8 del mattino, sono entrati nel negozio di un commerciante di frutta e verdura del centro cittadino, con l’intenzione di estorcergli danaro sistematicamente e a scadenza periodica.

Alla risposta negativa del commerciante, i tre soggetti non si sono fatti scrupolo di colpirlo al capo con il calcio di una pistola e di rubargli  20 euro e il cellulare, per poi darsi alla fuga, a bordo dell’auto guidata dal complice. Avviate subito le indagini, i Carabinieri della locale Stazione e della Sezione Operativa di Molfetta e del Nucleo Investigativo di Bari, coordinati dalla Procura di Trani, hanno visionato le immagini di videosorveglianza della zona, riuscendo ad identificare i presunti autori della rapina.

Non solo, ma proprio dalle videoriprese, i militari hanno anche appurato che i quattro malviventi dopo la rapina hanno pensato impunemente di recarsi in un bar del centro per fare colazione come se nulla fosse.

Ma la risposta della Magistratura e dei Carabinieri è arrivata immediatamente dando un volto e un nome ai quattro pregiudicati, si tratta di B.L., P.M. e  D.R. di 27, 23 e 24 anni. I tre di loro sono stati intercettati, poco dopo, in un appartamento a loro disposizione, al cui interno è stata trovata anche la pistola, una scacciacani, e il cellulare della vittima. Mentre il quarto uomo, il 36enne M.F., anche lui con precedenti, era a bordo della sua auto, con 8 dosi di cocaina.

Per i quattro uomini si sono aperte le porte del carcere, come disposto dal PM di Trani, che ha chiesto la convalida dell’arresto e l’emissione di una idonea misura cautelare. L’accusa è pesante, si parla di tentata estorsione, rapina e porto abusivo di arma. Rimane alta l’attenzione della Magistratura e dei Carabinieri su Corato al fine di fare luce sugli eventi che hanno interessato la città nell’ultimo periodo.

https://www.facebook.com/WideNewsNotizieDalWeb