Home Costume e società Un inedito San Nicola per il Natale dei baresi
widenews

Un inedito San Nicola per il Natale dei baresi

da da Redazione

Roberta Romeo

Roberta Romeo Pittrice

In questi giorni, dal 6 al 20 di dicembre, presso la Nuova Fiera del Levante di Bari, è stato allestito un originale “villaggio”, che invece di assumere quelle solite connotazioni natalizie – fatte di mercatini e decorazioni dal sapore nordico – ci parla di tradizioni e radici culturali, con al centro San Nicola, Patrono di Bari, da cui, poi,  trae origini la figura del moderno ed internazionale Babbo Natale. In una cornice scenografica interessante, che rimanda ad un passato pugliese dal sapore mediterraneo, prendono forma situazioni diverse: dalla riproposta dei giochi antichi ai bambini di oggi, ai laboratori creativi, alle mostre curate dai vari soggetti culturali attivi in città (coinvolti nelle ricostruzioni storiche nicolaiane), fino al mondo dell’associazionismo e delle produzioni agricole ed enogastronomiche. Bellissimi gli abiti in foggia storica realizzati dall’Accademia di Belle Arti di Bari, a cura del Prof. Tommaso Lagattolla, sia esposti che indossati da figuranti. Naturalmente è anche possibile scattare una foto ricordo con un bel “San Nicola” in carne, ossa, barba, mitra e  pastorale. Un modo diverso di raccontare il Natale, suggestivo e pieno di fascino, che esprime con tutta evidenza quel desiderio sempre più emergente di una città’ che cerca di ritrovare la propria matrice culturale identitaria, senza mai dimenticare la sua naturale vocazione all’apertura verso l’esterno e il suo essere “testa di ponte” verso i Balcani e l’Oriente. Bari cerca sè stessa e anela a farsi scoprire dai suoi abitanti nel suo volto più autentico, forse ancora troppo poco conosciuto. In questa prospettiva si colloca anche la figura del Patrono della città, un santo popolare e amatissimo che, mettendo insieme identità e culture differenti, si fa portatore dei valori di unione, tolleranza, apertura e generosità. E forse, in questi difficili tempi della nostra contemporaneità, sono proprio i valori di cui abbiamo bisogno.

 

 

Articoli correlati

Lascia un commento