Report vaccinazioni in Italia (NEW)
Coronavirus nel mondo (NEW)

La ministra Cartabia fa il punto della situazione a Bari: l’Ufficio del Processo, l’edilizia giudiziaria e le nuove assunzioni, questi i temi

Continua il giro della Ministra Cartabia in visita alle Corti d’Appello italiane e dopo Catania, Firenze,  Napoli, Venezia e Perugia, oggi, 28 settembre è stato il turno di Bari. Tanti i temi toccati, dall’Ufficio del Processo, all’edilizia giudiziaria fino all’annuncio di possibili nuove assunzioni (si parla di almeno 16.500 laureati che potrebbero entrare in gioco a supporto della magistratura).

La ministra Cartabia fa il punto della situazione a Bari: l’Ufficio del Processo, l’edilizia giudiziaria e le nuove assunzioni, questi i temi
Francesco Cassano, Presidente Corte d’Appello Bari

L’incontro di stamattina, a ‘porte chiuse’ ( i giornalisti sono rimasti in video conferenza all’interno della sala stampa, è avvenuto nella sala magna della Corte d’Appello di Bari, alla presenza del presidente Francesco Cassano.

 “L’ edilizia – ha sottolineato la ministra –  è il grande tema, qui a Bari, dove la ferita è più profonda, ma è un problema serio in tanti distretti di Corte di Appello”.

Questo supera tutte le altri questioni seppure importanti poiché, ha aggiunto, la Cartabia, “quando l’impatto con una Corte di Appello parte dalla visita dei locali delle torri che temporaneamente, per emergenza, ospitano gli operatori della giustizia, non ci si può limitare ai convenevoli”, e quando,  “L’immagine delle tende (ancora viva), nel 2018, chiamava ad una risposta pronta, urgente, immediata, l’idea che lo Stato rispondesse dieci anni dopo, mi sembrava semplicemente inaccettabile”.

Ricordiamo che sulla grave questione è intervenuto più volte anche Confintesa fp e che il Segretario Generale della Funzione Pubblica Claudia Ratti, aveva già inviato diverse note sia al ministro Brunetta che alla stessa Cartabia.

La ministra Cartabia fa il punto della situazione a Bari: l’Ufficio del Processo, l’edilizia giudiziaria e le nuove assunzioni, questi i temi
Segretario Generale della Funzione Pubblica Confintesa, Claudia Ratti

“Che ben vengano nuove risorse – ha detto la Ratti –  anche attraverso l’Ufficio del processo, ma la carenza in organico che, a nostro avviso, non può essere risolta semplicemente con l’ acquisizione di nuove assunzioni a tempo determinato ma, solo attraverso lo scorrimento di tutte le graduatorie ancora in atto relativamente alle diverse figure professionali contemplate come nuovi direttori, ex 21 quater, funzionari, cancellieri esperti e figure di supporto tecnico informatico e altro”.

Inoltre – ha aggiunto  la Ratti – di rilievo è lo sblocco della mobilità interna ed esterna del personale, la riqualificazione e le progressioni economiche con la possibilità di partecipare alle selezioni, la previsione dell’area delle alte professionalità, una maggiore attenzione alla formazione e all’assunzione di nuovi dirigenti. Il Ministero spesso non osserva gli accordi discussi con anni di colpevole ritardo ed invece dovrebbe essere costante nell’applicazione degli stessi”. “Infine – ha concluso – in merito all’obbligo del Green Pass presso gli Uffici Giudiziari, ci aspettiamo delle misure serie per garantire la salute dei lavoratori evitando l’ingresso di coloro che sono sottratti ad ogni controllo sanitario e che potrebbero vanificare ogni sforzo di tutto il personale dipendente”.

Maria Pia Erriquez, Segretario Regionale di Confintesa FP

In passato, sulla questione si è espressa anche Maria Pia Erriquez, Segretario Regionale di Confintesa FP, “Confintesafp  – ha detto il segretario – da anni ha ‘ seguito e sentito’ in diretta il problema dell’edilizia giudiziaria barese tramite i propri dirigenti sindacali territoriali ed i lavoratori del settore”.  “Abbiamo manifestato per la tutela della salute e la sicurezza di tutti i colleghi sin dall’ epoca del pericolo crollo del Palazzo di Giustizia di via Nazariant e della vera e propria disgregazione degli uffici giudiziari nell’ interland barese , dal Palazzo di Via Brigata alla riapertura del plesso di Modugno”. “Così come abbiamo sostenuto i colleghi per il disagio causato dai vari traslochi, senza tralasciare il trasferimento preso le Torri Telecom di Poggiofranco”. “In ultimo – ha concluso il segretario regionale – oltre ad auspicare che presto si arrivi alla Cittadella della Giustizia, voglio ribadire che Confintesa fp ha apprezzato e apprezza la costante presenza e vicinanza del Presidente Francesco Cassano ai lavoratori (della giustizia) del distretto di Bari”.

https://www.facebook.com/WideNewsNotizieDalWeb

Condividi su:

Lascia un commento