Inaugurato il ‘Ponte dei Pescatori’ a Bisceglie: una connessione tra Storia, Futuro e Sostenibilità

Inaugurato il Ponte dei Pescatori a Bisceglie

Oggi, con grande emozione e partecipazione, è stato inaugurato il tanto atteso “Ponte dei Pescatori” a Bisceglie. L’infrastruttura in legno lamellare, che attraversa via della Repubblica e collega via dei Pescatori con via Prussiano, è stata ufficialmente aperta al pubblico.

La cerimonia di inaugurazione è stata presieduta dal Sindaco di Bisceglie, Angelantonio Angarano, affiancato dal Presidente del Consiglio, Vittorio Fata, e dai membri dell’Amministrazione Comunale. Don Pasquale Bovio, parroco di Santa Caterina, ha benedetto il ponte, sottolineando il suo significato simbolico per la comunità.

Il ponte, dedicato ai pescatori, è un omaggio al lavoro svolto con passione e sacrificio da generazioni e rappresenta il profondo legame di Bisceglie con il mare. La Giunta comunale, con il consenso della Commissione Toponomastica, ha scelto di intitolare l’opera proprio ai pescatori, evidenziando il ruolo fondamentale che hanno avuto nella storia della città.

Alla cerimonia hanno partecipato anche il Consigliere regionale Francesco La Notte e i giovani atleti delle scuole di ciclismo “Ludobike Racing Team” e “Gaetano Cavallaro”. Insieme alle autorità, hanno attraversato per la prima volta il ponte ciclopedonale, simboleggiando l’unione tra passato e futuro.

Per Angarano, il ponte costituisce l’impegno della città nella promozione di una mobilità sostenibile, con la realizzazione di nuove piste ciclabili moderne e sicure. “Attraversare per la prima volta il ponte, che tanto abbiamo desiderato – ha detto il primo cittadino – è stata una giornata di festa ed emozione. L’opera ricostituisce la Bisceglie di un tempo, riconnettendo il quartiere Seminario-Cittadella al mare e si inserisce perfettamente – ha concluso – nella promozione della mobilità sostenibile, contribuendo alla riqualificazione del quartiere.”

L’inaugurazione del “Ponte dei Pescatori” – che offre una vista panoramica sul porto, aspirando a diventare un punto di interesse turistico per la città – è parte di un progetto più ampio di riqualificazione urbana, che include la pedonalizzazione di Via Mons. Cafagna e la trasformazione dell’ex mattatoio in un centro di inclusione giovanile e si inserisce, soprattutto, nel disegno di riconnessione delle periferie al centro, dimostrando l’impegno tangibile di una città che vuole creare un ambiente urbano migliorato e sostenibile.

https://www.facebook.com/WideNewsNotizieDalWeb

Condividi su:
Foto dell'autore

Elvira Zammarano

Lascia un commento