Bambini protagonisti del Buon Vivere a Cellamare: Il cuore sostenibile della comunità

Bambini protagonisti del Buon Vivere a Cellamare

La comunità di Cellamare sta rivoluzionando il concetto di “Buon Vivere” attraverso il progetto ambizioso “I Borghi del Buon Vivere”. La recente ristrutturazione della Masseria Mariano e la creazione di spazi verdi testimoniano l’impegno attivo per migliorare la qualità della vita locale.

L’approccio del “Turismo Esperienziale” è particolarmente interessante, poiché non solo attira i visitatori, ma li coinvolge nella cultura e nelle tradizioni locali. La creazione di un “laboratorio” all’aperto per attività collettive è una l’idea fondante per rafforzare i legami sociali e consolidare il senso di comunità.

Bambini protagonisti del Buon Vivere a Cellamare

La sostenibilità delle aree comuni è un elemento chiave per preservare l’ambiente e coinvolgere attivamente i bambini come motivo del cambiamento, passo importante verso la sensibilizzazione e l’adozione di stili di vita più sani e rispettosi della natura.

La collaborazione tra Fucine creative del Borgo, l’Associazione Commercio a Cellamare APS e la guida del Presidente Giuseppe Loiotile, dimostra che un impegno coordinato può portare a risultati significativi. Inoltre, l’espansione dell’iniziativa in diverse località, con la presenza di un Presidio “La Casa del Turista” presso il Comune di Caprarica di Lecce, suggerisce un impatto positivo su scala regionale.

“I Borghi del Buon Vivere” è un esempio eccellente di come le comunità possano collaborare per creare ambienti vivibili e sostenibili, mettendo in primo piano il coinvolgimento attivo della popolazione locale. Questo tipo di iniziative può fungere da modello ispiratore per altre comunità che desiderano promuovere uno sviluppo equilibrato e centrato sul benessere della popolazione.

Bambini protagonisti del Buon Vivere a Cellamare

https://www.facebook.com/WideNewsNotizieDalWeb

Condividi su:
Foto dell'autore

Elvira Zammarano

Lascia un commento