Brindisi, Concessionaria Auto sotto inchiesta per evasione fiscale da 1,2 Milioni di euro

Brindisi, Concessionaria Auto

Un’operazione mirata dei Finanzieri della Compagnia di Ostuni ha portato alla luce una vasta evasione fiscale presso una concessionaria d’auto nel periodo che va dal 2018 al 2023. I dettagli emersi durante la verifica indicano che la società avrebbe omesso di dichiarare al Fisco ricavi per circa 1,2 milioni di euro.

L’indagine, condotta con precisione attraverso l’esame scrupoloso delle transazioni di acquisto e vendita delle auto, ha rivelato un intricato schema di evasione. Le vendite, apparentemente formali tra privati, erano in realtà transazioni occulte (in nero) tra la concessionaria e l’acquirente, con veicoli acquistati e venduti dalla società controllata.

Gli investigatori delle Fiamme Gialle hanno condotto un’attività di intelligence che ha fornito riscontri concreti, avvalorati dai dati ottenuti attraverso le banche dati del Corpo. La ricostruzione del volume d’affari dell’attività commerciale ha messo in luce sia l’omessa fatturazione delle operazioni di vendita che l’omessa dichiarazione dei ricavi.

Le irregolarità emerse sono state segnalate agli Uffici Finanziari competenti per i successivi recuperi fiscali e l’applicazione delle sanzioni previste dalla legge.

L’inchiesta rappresenta un ulteriore passo nel perseguire l’obiettivo di una più equa distribuzione del prelievo fiscale e nel promuovere la trasparenza nel settore automobilistico. Contrastare l’evasione fiscale vuol dire contribuire alle prospettive di ripresa e di rilancio dell’economia del Paese e favorire una più equa ripartizione del prelievo impositivo tra i cittadini (“pagare tutti per pagare di meno”).

Brindisi, Concessionaria Auto

Condividi su:
Foto dell'autore

Elvira Zammarano

Lascia un commento