Operazione Antimafia a Taranto: Arrestate 29 persone per associazione mafiosa, scambio elettorale e traffico di sostanze stupefacenti

Operazione Antimafia a Taranto

In una massiccia operazione condotta questa mattina, le Fiamme Gialle di Taranto hanno arrestato 29 individui gravemente indiziati di associazione mafiosa, scambio elettorale politico-mafioso, traffico di sostanze stupefacenti, trasferimento fraudolento di valori, estorsione e detenzione illegale di armi.

L’azione è stata coordinata dai Finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Taranto, con il supporto del Servizio Centrale di Investigazione sulla Criminalità Organizzata e dei Comandi Provinciali di Bari, Lecce, Taranto e Brindisi.

Gli arresti sono stati eseguiti in seguito a un’ordinanza emessa dal G.I.P. del Tribunale di Lecce su richiesta della Procura della Repubblica – D.D.A. – salentina. Le misure cautelari personali coinvolgono 29 persone, di cui 26 in carcere e 3 agli arresti domiciliari, con il sequestro preventivo di beni del valore complessivo di circa 6,4 milioni di euro.

Secondo gli accertamenti condotti dalla Direzione Distrettuale Antimafia leccese, gli indagati avrebbero fatto parte di un’organizzazione criminale operante nei Comuni di Statte e Crispiano, con attività illecite che vanno dallo scambio elettorale politico-mafioso al traffico di sostanze stupefacenti, dall’intestazione fittizia di beni all’esecuzione di attività estorsive.

Gli inquirenti ritengono che il gruppo abbia influenzato le elezioni amministrative tenutesi a Statte nell’ottobre del 2021, manipolando il risultato attraverso la raccolta di voti in cambio di favori finanziari, buoni pasto e schede carburanti. Alcuni indagati avrebbero coinvolto imprese e dirigenti aziendali per eludere misure di prevenzione patrimoniali.

Le indagini tecniche hanno portato al sequestro di ingenti quantità di sostanze stupefacenti nel novembre e dicembre 2021, tra hashish e cocaina, oltre a somme di danaro superiori a 50 mila euro e orologi Rolex di notevole valore economico.

Per garantire la massima trasparenza e nel rispetto del principio di “presunzione di innocenza”, il comunicato evidenzia che la responsabilità delle persone coinvolte sarà definitivamente accertata solo in caso di una sentenza irrevocabile di condanna.

Procura e Guardia di Finanza di Taranto ribadiscono il loro impegno nel contrastare la criminalità organizzata e nel proteggere la legalità economica.

https://www.facebook.com/WideNewsNotizieDalWeb

Condividi su:
Foto dell'autore

Elvira Zammarano

Lascia un commento