Rita Cutolo: guarigioni inspiegabili, fede e  scienza a confronto, 30 di vita dedicati al prossimo

Rita Cutolo, in lei non il mistero ma l’Amore dell’Infinito

Una storia che di misterioso ha poco quanto niente, perché l’Amore è palese. Chiaro. Trasparente. In lei c’è tutto questo e molto più, ma le ‘cose’ che parlano di Dio, si sa, sono difficili da descrivere o raccontare e allora si preferisce catalogarle, se va bene, come ‘misteri’.

Rita Cutolo: guarigioni inspiegabili, fede e  scienza a confronto, 30 di vita dedicati al prossimo

Su Rita sono state scritte tante parole perchè la Chiesa accompagna da sempre il suo speciale cammino. Per esempio, il compianto Padre Carlo Colonna, gesuita, teologo e predicatore ecumenico, fondatore del centro editoriale missionario, vissuto a Bari, è stato colui che più di tutti l’ha ‘osservata’ e descritta in diverse sue importanti opere spirituali pubblicate nel corso di questi lunghi anni.

La premessa è essenziale perché noi teologi siamo particolarmente ‘attenti’ e sensibili verso tutte le manifestazioni che richiamano il divino e i suoi carismi, in quanto studi ed esperienza sono la base fondamentale per un buon discernimento utile a distinguere il falso dal vero.

Altra breve ed essenziale premessa è ricordare che lo stesso San Paolo, nella sua Lettera ai Corinzi dal capitolo 12 al 14, parla di “doni straordinari che Dio può infondere in alcuni uomini e donne, con l’obbligo di disporne per aiutare gli altri in modo assolutamente gratuito”. Ecco, uno dei principi cardine del discernimento è la gratuità del dono divino ricevuto. Ogni tipo di ‘commercio’, baratto o qualsivoglia forma di do ut des può essere catalogato come una pericolosa mistificazione.

Ma qual è il carisma di Rita Cutolo della quale, in questo articolo, non darò alcuna indicazione per incontrarla proprio per evitare ogni forma di pubblicità fuorviante. È semplicemente straordinario, perché riguarda la salute.

Ho avuto modo di conoscere personalmente questa donna minuta, umilissima e dolcissima. Una donna che parla poco, e che guardandoti negli occhi, ti chiede solo “Dove hai male? Qual è l’organo colpito?”. Poi strofinandosi appena i palmi delle mani li poggia sulla parte indicata e subito si avverte un fortissimo calore che in alcune persone ha provocato addirittura lievi rossori e nel tempo la guarigione sperata.

A me ha dato anche alcune particolari ‘dimostrazioni’ del suo carisma compiendo straordinari gesti che superano le leggi della fisica (la sua mano con il palmo all’in giù, completamente aperta, riusciva a reggere una lastra di vetro – 50 × 50 – pesantissima spessa almeno 4 cm. La lastra sembrava essere totalmente incollata al palmo della sua mano e per quanto io, e le persone che erano con me, cercassi di staccarla con tutta la forza che avevo, non ne ero capace. La lastra veniva rilasciata solo dopo una nostra specifica richiesta.

Va detto, inoltre, e soprattutto sottolineato, che Rita, dopo ogni suo speciale intervento, raccomanda di continuare le cure, gli accertamenti e le visite mediche e che il suo non deve essere inteso come un intervento terapeutico o diagnostico ma come un accompagnamento a un percorso medico già in atto o da compiere. Di fatto, in quel posto baciato da Dio, abbiamo incontrato ogni genere e tipologia di malato. Un pellegrinaggio gestito da Rita e da persone che le vogliono bene e che in tutta umiltà hanno deciso di mettere la loro vita, il loro tempo, al servizio degli altri.

Ovviamente, lei non sapeva che io fossi una giornalista, né una teologa. Sono andata, come diciamo noi alla chetichella e l’ho vista all’opera. Tutto alla luce del sole. Ho visto ammalati e tanti ex ammalati, alcuni dei quali definiti senza speranza, che continuavano a seguirla manifestando infinita gratitudine a Dio. C’erano anche diversi non credenti, agnostici, Rita non chiede niente, a lei interessa che venga compiuto il suo ‘speciale mandato’. Ogni persona, a fine ‘seduta’, si alza, saluta tutti, ringrazia e se ne va, nella speranza di poterla rincontrare, perché, altro dato essenziale non ci sono ‘appuntamenti’ prestabiliti in quanto tutto è affidato a Dio. Ovviamente esiste una pagina ufficiale a lei dedicata, visibile on-line.

Condividi su:
Foto dell'autore

Elvira Zammarano

Lascia un commento