Gioia del Colle, omesse dichiarazioni dei redditi, GdF sequestra 2,5 milioni di euro a società di manutenzione ascensori

Gioia del Colle, GdF sequestra 2,5 milioni di euro

 

I Militari della Tenenza di Gioia del Colle, coordinati dal I Gruppo Bari, hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo di beni per un valore di 2,5 milioni di euro, nei confronti di una società d’installazione, riparazione e manutenzione di ascensori, per infedele ed omessa dichiarazione dei redditi, 2015 e 2019 (accertamento compiuto nella fase delle indagini preliminari che necessita della successiva verifica processuale nel contraddittorio con la difesa).

Il decreto di sequestro preventivo – emesso dal G.I.P. del Tribunale di Bari, su richiesta della locale Procura – costituisce l’epilogo di un’attività investigativa, condotta dalla GdF, che ha permesso di accertare (fatta salva la valutazione nelle fasi successive con il contributo della difesa) che la società avrebbe sottratto componenti positivi di reddito per circa sette milioni di euro, con un risparmio di IRES ed IVA, pari all’importo sequestrato. Significativi sono stati gli elementi di riscontro acquisiti nel corso delle indagini bancarie.

La misura patrimoniale nei confronti della società e dei legali rappresentanti è stata concessa, in virtù della normativa che prevede la possibilità di applicazione anche della “confisca per equivalente”, a seguito dell’elevato valore indiziario degli elementi acquisiti dai Militari di Gioia del Colle.

Gli esiti dell’attività d’indagine costituiscono un’ulteriore testimonianza del costante presidio economico-finanziario esercitato dai Militari della GdF di Bari a contrasto dell’evasione fiscale e dei reati tributari – in stretta sinergia con la locale Procura della Repubblica -, a tutela dei cittadini e dei contribuenti rispettosi delle regole, al fine di assicurare l’equità sociale quale condizione fondamentale del benessere della collettività.

https://www.facebook.com/WideNewsNotizieDalWeb

Condividi su:
Foto dell'autore

da Redazione

Lascia un commento