Report vaccinazioni in Italia (NEW)
Coronavirus nel mondo (NEW)

Scuola, spari a docente, l’avvocato La Scala, ” E’ ora di finirla: il bullismo è un reato!”

Sul grave episodio, accaduto in una scuola di Rovigo lo scorso 11 ottobre, si è espresso anche l’avvocato penalista Antonio La Scala. Il fatto riguarda una insegnante di scienze colpita, in due riprese, da una scarica di pallini di gomma sparati da uno studente, in classe, con una pistola ad aria compressa. Ricordiamo che la docente, dopo aver pianto per il dolore e l’umiliazione, ha deciso di denunciare tutta la classe che, tra l’altro, non ha mostrato alcun pentimento. Una vicenda deplorevole su cui dovremmo tutti interrogarci.

Scuola, spari a docente, l'avvocato La Scala, " E' ora di finirla: il bullismo è un reato!"

“Questo episodio conferma quella spirale di violenza che da una decina d’anni incombe sui nostri ragazzi, nelle scuole, attraverso condotte di bullismo e cyberbullismo. Condotte, voglio sottolinearlo, di violenza allo stato puro. Spesso tali comportamenti rientrano in quella decadenza di valori che ormai avvolge non solo i giovani ma anche le famiglie. Una decadenza generata anche da una spirale d’ignoranza perché, il più delle volte, ragazzi e famiglie, purtroppo, non conoscono fino in fondo la gravità di questi reati. E ribadisco che si tratta proprio di reati. Vorrei sottolineare anche un’altra cosa, spesso usiamo la parola bullismo senza capirne effettivamente il significato o l’uso scorretto che ne facciamo. Si tratta, invece, di un pericoloso e subdolo reato in cui rientrano una serie di altre azioni altrettanto gravi, che vanno dagli atti persecutori alle violenze fisiche e verbali, al tentato omicidio, all’istigazione al suicidio. E se non si lavorerà sulle famiglie e sulle nuove generazioni, dalla più tenera età, se non faremo capire che queste sono degenerazioni dal punto di vista morale e giuridico, che possono sfociare in cause penali, risarcimento danni alla vittima, perdita dell’anno scolastico e successiva difficoltà a trovare lavoro, perché tali comportamenti segneranno per sempre il ragazzo che li compie, non ne usciremo più. Mi auguro che la docente in questione ritrovi presto il suo equilibrio e il desiderio di continuare a svolgere il suo triplice importante ruolo di insegnante, educatrice e formatrice”.

https://www.facebook.com/WideNewsNotizieDalWebSpari a docente

Condividi su:
Foto dell'autore

Elvira Zammarano

Lascia un commento