Report vaccinazioni in Italia (NEW)
Coronavirus nel mondo (NEW)

Buoni spesa e contributi integrativi dei fitti percepiti illegalmente, smascherate 160 persone a Fasano

Più di 1300 i soggetti controllati dai finanzieri della compagnia di Fasano che risultavano beneficiari dei sussidi, dei quali, 160, erano, però, privi dei requisiti previsti dai bandi comunali.
Come condizione per l’ottenimento di tali benefici – buoni spesa e contributi a integrazione dei canoni di locazione erogati dallo stesso Comune di Fasano -, doveva esserci una situazione di indigenza, anche temporanea, del nucleo familiare.

Circa 42.000 gli euro percepiti indebitamente dai 160 soggetti che nelle domande avevano, invece, omesso di indicare il conseguimento di altre forme di sussidio (reddito di cittadinanza, pensioni, ecc.), oppure di riportare i familiari del proprio nucleo che percepivano entrate economiche certe, in alcuni casi anche di rilievo.
Alcuni avevano addirittura dichiarato falsamente di non lavorare.

Nei confronti di costoro sono state comminate sanzioni amministrative pari al doppio del beneficio indebitamente percepito con la restituzione al Comune della parte di competenza. Alcuni dei trasgressori hanno già provveduto a sanare il proprio debito, per gli altri potrebbero scattare sanzioni maggiori se non provvederanno entro i tempi previsti dalla Legge.

L’impegno del Corpo si traduce in una serrata attività preventiva e repressiva contro ogni forma di irregolarità per garantire il corretto impiego delle risorse destinate, con importanti sforzi finanziari, alle fasce più bisognose della popolazione.

https://www.facebook.com/WideNewsNotizieDalWeb

Condividi su:
Foto dell'autore

da Redazione

Lascia un commento