Report vaccinazioni in Italia (NEW)
Coronavirus nel mondo (NEW)

Sospensione di Giudizio…

Aldous Huxley (Ritorno al Mondo Nuovo del 1958- Oscar Mondadori Milano ristampa 1981) nei lontani anni ’50 del secolo scorso, affermava che per educare alla libertà bisogna innanzitutto insegnare il corretto uso del linguaggio ed il pensiero critico.  Imparare a distinguere il “vero” dal “falso”.  Ma tra percezioni subliminali, mondo dei social e condizionamenti che bombardano le nostre vite fino quasi ad annullarne l’individualità, questo obiettivo che poteva caratterizzare un futuro di progresso, ci sembra sempre più lontano.

I Decreti e la normativa 

Nel proliferare dei Decreti Legge, dei comunicati dell’OMS e tra i meandri delle numerose circolari dei Ministero della Salute e dell’Istruzione, inseguendo le direttive della Comunità Europea e fregiandosi nel frattempo degli elogi americani, che ci scoprono improvvisamente virtuosi, il nostro è un popolo sempre più disorientato. Un popolo che ogni mattina sa di doversi misurare con una eventuale variante del virus, guarda caso spesso più cattiva e mai affievolita dalla sua folle corsa nel mondo.

È recente la notizia che il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto legge che rende obbligatorio il Green Pass nei luoghi di lavoro pubblici e privati. Contestualmente stanno emanando circolari e notifiche per informare che in assenza di Certificazione verde è pienamente giustificabile la sospensione dal lavoro e dallo stipendio (parere dell’Avvocatura di Catanzaro in riferimento a personale scolastico). Tutto ciò in considerazione anche del fatto che la Direttiva UE 2020/379, ha incluso il Covid tra gli agenti biologici tra cui è obbligatoria la protezione anche in ambiente di lavoro. Pertanto in assenza di GP o tamponi sono giustificabili la sospensione dal lavoro e dalla retribuzione, come previsto nell’art 9-ter co2 del dl 52/2021.

La guerra contro il virus

Siamo ormai in guerra contro un virus dalle risorse inaspettate e dalle origini non ancora ben chiarite.  E come in tutte le guerre si capisce che il principio della trasparenza difetti. Come in tutti i conflitti i deboli e le minoranze soccombono. Come in tutte le guerre si devono osservare le decisioni assunte da chi ci Governa e collaborare responsabilmente nella osservanza dei protocolli. Stringere i denti, nella speranza di un ritorno alla normalità. Una delle poche certezze è che nulla è eterno e che quindi le guerre finiscono perché magari si trasformano e si evolvono, ed anche il virus dovrebbe finire la sua esistenza e trasformarsi, accettando l’ospite, che saremmo noi e facendoci sopravvivere, non solo perché ci stiamo facendo di vaccini a tutto spiano, ma anche perché ne esiste una evoluzione naturale (?).

E forse è questo il punto che ci impedisce di distinguere il vero dal falso in tutta questa situazione. Ma questo vaccino fino a che punto è naturale? E se non lo fosse contro chi staremmo combattendo la guerra? E quindi sarebbe lecito che coloro che esercitano il potere, per carità a fin di bene, impongano limitazioni alla popolazione mondiale?  

Imparare a distinguere il vero dal falso 

Per il momento allora mi piace ritornare al nostro autore del secolo scorso e pensare che poiché siamo esseri intelligenti a cui occorre libertà ma anche amore e che necessariamente abbiamo bisogno gli uni degli altri, se un provvedimento sociale ci sembra discutibile o non del tutto compatibile con la nostra logica e razionalità lo accetteremo con riserva per quel che vale, perché la guerra dovrà pur finire…Nel frattempo esercitiamoci a distinguere il vero dal falso.

https://www.facebook.com/WideNewsNotizieDalWeb

Condividi su:

Lascia un commento