Report vaccinazioni in Italia (NEW)
Coronavirus nel mondo (NEW)

Scuola e trasporti a Bari, situazione insostenibile, i sindacati univocamente chiedono massima partecipazione al Sit – in di domani 17 settembre

Scuola e trasporti a Bari, una situazione inaccettabile, se ne parlerà durante il  Sit – in univoco istituito dai sindacati 

Intanto per oggi, 16 settembre, praticamente un giorno prima del sit – in,  la Prefetta di Bari ha convocato una riunione con i presidi, “e questo, se fosse vero,” dicono i segretari delle più importanti sigle sindacali,” non ci sembra il massimo del rispetto istituzionale”.

Ad affermarlo FLC Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola, Snals e Gilda, unitamente alle rispettive Confederazioni, che si preparano alla protesta di domani, per la quale invitano tutti alla massima partecipazione. Nel frattempo la Prefetta procede per proprio conto, nonostante la richiesta per un incontro avanzata dagli stessi sindacati già da lunedì scorso.

“Spaccare la manifestazione non servirà a nulla”-  affermano i sindacalisti . Gli incontri devono essere svolti alla luce del sole e con chi rappresenta i lavoratori accompagnati da una delegazione degli stessi. Se la regione Puglia, per voce del presidente Emiliano, dichiara che quel 25% era inevitabile, noi diciamo al presidente di andare a rivedere le dichiarazioni fatte nel corso degli incontri che si susseguono da più di un anno, in cui il suo assessore ai trasporti (Anna Maurodinoia) ha confermato la piena funzionalità del sistema. Cosa smentita nel documento operativo della Prefettura”.

“ La verità – dicono ancora –  è che in Puglia, a differenza delle altre Regioni, si è fatto un uso spropositato della didattica a distanza, soprattutto nelle superiori, e forse non ci si aspettava che la scuola ripartisse in presenza. Quindi, anche le dichiarazioni e i buoni propositi del ministro Bianchi, in Puglia trovano un limite insormontabile, ovvero l’incapacità gestionale della politica locale”.

“La scuola – concludono i segretari regionali – lo diciamo da più di un anno, non è una Lego, che nell’occasione si smonta e rimonta. Nella scuola bisogna impegnare il massimo delle risorse perché se non riparte la scuola in presenza, non riparte il Paese. Per queste ragioni invitiamo alla partecipazione numerosa e compatta del mondo della scuola barese, compresi i genitori e tutti i cittadini sensibili, al sit-in che si terrà domani 17 settembre alle ore 10 in piazza Libertà, davanti alla Prefettura di Bari”.

https://www.facebook.com/WideNewsNotizieDalWeb

Condividi su:

Lascia un commento