Bonus braccianti agricoli, la riscossione a partire da oggi 10 agosto

Si tratta di un bonus di 800 euro che spetta ai braccianti agricoli a tempo determinato con almeno 50 giornate intere di attività di lavoro agricolo effettuate nel 2020. La domanda, presentata entro giugno, riguarda coloro che, oltre ai 50 giorni previsti,  non devono trovarsi in una delle seguenti condizioni:

  • essere titolari di contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato, con esclusione del contratto di lavoro intermittente senza diritto all’indennità di disponibilità ai sensi dell’articolo 13, comma 4 del decreto legislativo 15 giugno 2015, n. 81;
  • essere beneficiari di reddito di cittadinanza diretto o altro componente dello stesso nucleo familiare risulta titolare di Reddito di Cittadinanza;
  • essere titolari di pensione.

Ad inizio Agosto 2021 sono comparse le prime date di pagamento del Bonus di 800 euro. Se la domanda è stata accolta, bisogna controllare la data ufficiale di pagamento in fascicolo previdenziale; anche presso un CAF. Tuttavia, molte sono state anche le domande respinte, vuoi per la presenza all’interno del nucleo familiare di percettore di Reddito di cittadinanza, vuoi per non avere il requisito minimo delle 50 giornate.

Il bonus Inps degli agricoli è cumulabile con l’assegno ordinario di invalidità, di cui alla legge 12 giugno 1984, n. 222 ed è compatibile con la pensione di reversibilità.

Per controllare l’esito della domanda basta vedere sul portale online dell’Inps alla voce Indennità Covid-19 (decreto Sostegni Bis 2021). Se l’istanza è stata respinta e se il richiedente ritiene di possedere tutti i requisiti per ottenere il bonus, entro 20 giorni, dovrà recarsi presso la sede INPS di competenza, presentando la documentazione corretta per il ricorso. L’Inps risponderà entro 60 giorni dall’integrazione della documentazione.

https://www.facebook.com/WideNewsNotizieDalWeb

Condividi su:
Foto dell'autore

Francesco Tesoro

Lascia un commento