Report vaccinazioni in Italia (NEW)
Coronavirus nel mondo (NEW)

Altamura, attentato al ‘Green’, condannati in via definitiva i colpevoli

Nella foto di copertina l’immagine del povero Domenico Martimucci, morto nell’ attentato al locale ‘Green’ di Altamura. Il suo sorriso sarà fonte e forza nella ricerca della verità e nel compimento della giustizia.

La Corte Suprema di Cassazione con la sentenza del 04.06.2021, ha rigettato il ricorso degli imputati Luciano Forte e Mario Dambrosio condannati, oggi, in via definitiva, a vario titolo, rispettivamente a 18 e 30 anni di reclusione (sentenza della Corte d’Appello di Bari del 2019) per “omicidio volontario con dolo eventuale” e “tentato omicidio plurimo”, “detenzione porto in luogo pubblico ed esplosione di ordigno”, con l’aggravante del metodo mafioso.

I due imputati, uno già detenuto in carcere e l’altro ai domiciliari, sono stati arrestati dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Bari.

Il provvedimento odierno costituisce l’epilogo dei processi avviati tra il 2015 e il 2016, a seguito delle indagini, coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia del capoluogo pugliese, dopo l’esplosione di un ordigno confezionato con 800 gr. di tritolo, collocato il 5 marzo 2015, presso il circolo privato “Green” di Altamura, durante il quale morì il giovane Domenico Martimucci e sette persone rimasero ferite, tutte vittime estranee ai fatti

L’attentato, aggravato dal metodo mafioso, fu organizzato e voluto dal Dambrosio, oggi condannato in via definitiva a 30 di carcere, con l’intento di riprendere il controllo del gioco d’azzardo nella cittadina altamurana. I danni al locale del suo concorrente attraverso un’azione eclatante, per l’arrestato doveva essere un mezzo per affermare il suo predominio nella malavita organizzata di Altamura.

La condanna, è diventata definitiva anche per Luciano Forte, che dovrà scontare 18 anni, in quanto ritenuto esecutore materiale del fatto insieme a Savino Berardi che nel frattempo ha scelto rito abbreviato con una condanna a 20 anni di reclusione con sentenza già passata in giudicato.

https://www.facebook.com/WideNewsNotizieDalWeb

Condividi su:
Foto dell'autore

Elvira Zammarano

Lascia un commento