Report vaccinazioni in Italia (NEW)
Coronavirus nel mondo (NEW)

Reddito di Emergenza, dal 1 luglio le domande con altri 4 mesi di aiuti

L’INPS attende ormai, solo la pubblicazione delle relative istruzioni attuative per gli aiuti ai nuclei familiari, che riceveranno altri 4 mesi di sostegno al reddito.  Grazie all’articolo 36 del dl n. 73/2021è stata fissata al 1° luglio la data per presentare le domande per l’accesso alle nuove quattro mensilità – da giugno a settembre 2021 – del Reddito di emergenza. 

Tutti i nuclei familiari, in possesso dei requisiti idonei, potranno presentare la domanda online, inserendo le proprie credenziali o presso i patronati di riferimento. La domanda dovrà essere presentata anche da coloro che già hanno beneficiato delle tre precedenti mensilità riconosciute dal dl n. 41/2021.

La quota economica dell’aiuto varia da 400 a 800 euro mensili, a seconda della composizione del nucleo familiare e della eventuale presenza di componenti disabili o non autosufficienti in famiglia.

Per usufruirne i nuclei familiari devono rispettare i seguenti parametri:

  • un reddito familiare nel mese di aprile 2021 inferiore ad una soglia pari all’ammontare del beneficio come sopra indicato; per i nuclei familiari che risiedono in abitazione in locazione, questa soglia è aumentata di un dodicesimo del valore annuo del canone di locazione come dichiarato ai fini ISEE;
  • assenza nel nucleo familiare di componenti che percepiscono o hanno percepito una delle indennità “Covid-19”.
  • al momento della presentazione della domanda il richiedente deve risiedere in Italia e il valore del patrimonio mobiliare familiare con riferimento all’anno 2019 deve essere inferiore a una soglia di euro 10mila, accresciuta di euro 5mila per ogni componente successivo al primo e fino ad un massimo di euro 20mila. Inoltre, è incrementabile di altri 5mila euro in caso di presenza nel nucleo familiare di un componente in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza come già definite ai fini ISEE e di un valore dell’ISEE inferiore ad euro 15mila.

Il reddito di emergenza non è percepibile se nel nucleo familiare alcuni componenti sono:

  • titolari di pensione diretta o indiretta ad eccezione dell’assegno ordinario di invalidità;
  • titolari di un rapporto di lavoro dipendente la cui retribuzione lorda sia superiore agli importi della quota di REM;
  • fruitori del reddito di cittadinanza.

https://www.facebook.com/WideNewsNotizieDalWeb

Condividi su:

Lascia un commento