Report vaccinazioni in Italia (NEW)
Coronavirus nel mondo (NEW)

Reddito di emergenza, prorogato fino a settembre con alcune novità

Nel nuovo Decreto sostegni bis, l’articolo 36, annuncia che il Reddito di emergenza sarà prorogato di altri quattro mesi: da giugno a settembre 2021, oltre a quanto già previsto all’articolo 12, comma 1, del decreto-legge 22 marzo 2021, n. 41.

I requisiti per ottenere il Reddito di emergenza fino a luglio, sono sempre quelli specificati dall’articolo 12 del precedente decreto Sostegni:
residenza in Italia al momento della domanda, verificata con riferimento al solo componente richiedente il beneficio;
un valore del reddito familiare con riferimento al mese di marzo 2021 inferiore a una soglia pari all’ammontare del beneficio;
un valore ISEE, attestato dalla DSU valida al momento di presentazione della domanda, non superiore a 15mila euro;
un valore del patrimonio mobiliare familiare con riferimento all’anno 2020 inferiore a 10mila euro.

Questa soglia aumenta di 5mila euro per ogni componente della famiglia successivo al primo, fino a un massimo di 20mila euro o in presenza di un disabile grave o non autosufficiente come da ISEE.

Gli importi per le famiglie in difficoltà, varieranno a seconda del numero dei componenti del nucleo familiare, ma sempre da un minimo di 400 euro ad un massimo di 800; saranno invece di 840 euro se nel nucleo familiare è presente un disabile.

Altra novità: la quota sarà incrementata di un dodicesimo del canone di locazione annuale per tutte le famiglie che hanno una casa in affitto.

La domanda per le quote del Rem dovrà essere presentata all’INPS, on line, entro il 31 luglio 2021 tramite il modello predisposto dallo stesso Ente, autenticandosi con le proprie credenziali SPID, Carta d’identità elettronica o Carta nazionale dei servizi, oppure rivolgendosi ai servizi offerti dagli Istituti di Patronato o CAF.

Condividi su:

Lascia un commento