Home Scuola La “La “Settimana Italiana dell’Insegnante”, dal 3 al 9 maggio, per celebrare i silenziosi custodi di un patrimonio che non può e non deve scomparire
Settimana Italiana dell'Insegnante

La “La “Settimana Italiana dell’Insegnante”, dal 3 al 9 maggio, per celebrare i silenziosi custodi di un patrimonio che non può e non deve scomparire

da Elvira Zammarano

Settimana Italiana dell’Insegnante, è un Evento patrocinato dall’Istituto della Enciclopedia Italiana Treccani, in collaborazione con “Your Edu Action“.

Ai tanti VIP della cultura, della scienza, del giornalismo e dello spettacolo si rivolgono i ragazzi di ‘MasterProf’, chiedendo loro di pubblicare sui social una foto con in mano un semplice foglio su cui c’è scritto “Gli Insegnanti sono Importanti” insieme all’hashtag #ringraziaundocente.

Anche quest’anno, dal 3 al 9 maggio, si celebra la ‘Settimana Italiana dell’Insegnante’. Una importante iniziativa, arrivata alla sua 7° edizione (è nata infatti nel 2015), promossa dagli studenti dell’Istituto “Galilei-Costa-Scarambone” di Lecce, responsabili, inoltre, del progetto ‘MasterProf’.

Settimana Italiana dell'Insegnante"

Un traguardo importante legato anche all’attuale emergenza sanitaria che ha visto e vede tuttora, in prima linea contro il Covid, l’intero corpo docente e tutto il personale scolastico. Dedicare ai professionisti della scuola, molti dei quali ‘caduti’ sul campo, un riconoscimento per l’impegno e la professionalità profusa, è un atto doveroso e di estrema delicatezza. Ma se il riconoscimento del sacrificio degli insegnanti proviene dal mondo dei giovani e, in particolare, da quello studentesco, l’atto diventa espressione d’amore.

Dunque, la settimana è simbolicamente il ‘luogo’ dove studenti e docenti potranno ‘davvero’ incontrarsi per riconoscersi quali fautori di un futuro che appartiene a tutti. Perché, hanno detto, i ragazzi, “Attraverso quel gesto, quell’insegnamento, quella cura, gli insegnanti, ci hanno cambiato la vita: dalla maestra della scuola materna, a quella delle elementari, fino alle scuole superiori. Tutto è rimasto impresso nella nostra mente, e ancora oggi lo ricordiamo come un qualcosa che ci ha cambiato dentro”.

Per cui l’invito è di pubblicare post di ringraziamento sui social network con l’hashtag #RingraziaUnDocente che, anche quest’anno prevede due forme di partecipazione:
1- La prima è rivolta agli studenti che sono invitati a disegnare, colorare e inviare via web, ai propri insegnanti, una margherita, simbolo della Settimana Italiana;
2 – La seconda è rivolta agli stessi insegnanti. A loro si chiede di pubblicare sul gruppo Facebook della “Settimana” ogni genere di commento, considerazione, ringraziamento che hanno ricevuto da parte dei loro studenti e genitori in questi ultimi due mesi

Resta invariato il logo, una margherita multicolore: il fiore più semplice, si trova ovunque, evoca una continua primavera del sapere. Nel linguaggio dei fiori rappresenta la pazienza, nei colori ci sono tutte le sfumature della professione e poi, come non sottolineare che è anche un logo …petaloso? Dunque una margherita in ogni possibile forma, da quella appena colta fino a quella disegnata, su quaderno, foglio, cartoncino o poster.

Settimana Italiana dell'Insegnante"

Tra i testimonial della Settimana, grandi nomi come: Massimo Inguscio, Franco di Mare, Beppe Severgnini, Gian Luigi Beccaria, Carlo Verdone, Paolo Ruffini, Paolo Crepet, Alessandro D’Avenia, Oscar Farinetti e il comico Pintus, tanto amato dai bambini e dai ragazzi in età scolare.

Articoli correlati

Lascia un commento