Home Cronaca Bari, armi in un condominio del ‘Picone’ e in casa di un affiliato al clan Strisciuglio

Bari, armi in un condominio del ‘Picone’ e in casa di un affiliato al clan Strisciuglio

da Elvira Zammarano

Il condominio, all’interno del quale, interrate in alcune grosse fioriere c’erano diverse armi, in ottime condizioni, era sotto osservazione da un po’. Mentre nella città vecchia è stato arrestato ‘Maradona’ del clan Strisciuglio per possesso di armi illegalmente detenute.

Il colpo messo a segno dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Bari, la scorsa sera, ha permesso di svelare un vero e proprio arsenale interrato in alcune fioriere poste in una cantinola di un complesso residenziale nel quartiere Picone di Bari.

armi

I movimenti sospetti di alcune persone presso il condominio, sono stati il motivo che ha indotto i militari ad effettuare un sopralluogo all’interno del box. Entrati nel locale, tutto sembrava apparentemente in ‘ordine’, ma ad attirare l’attenzione di un carabiniere sono state proprio le fioriere colme di terra.

Liberate dal terreno, hanno svelato il loro reale contenuto: due Kalashnikov AK 47, un fucile mitragliatore M16, un fucile a pompa calibro 12, un fucile calibro 5.56 e tre pistole calibro 9, tutte di provenienza illecita, sicuro oggetto di furto, con matricola abrasa, oltre a 550 munizioni di vario calibro. Il materiale, che ora sarà sottoposto agli accertamenti dattiloscopici e balistici per verificarne l’eventuale pregresso utilizzo, era perfettamente imballato con cellophane e in ottimo stato di conservazione.

Nei giorni scorsi, altre armi sono state sequestrate. In particolare, durante un servizio di controllo sulle persone sottoposte a misure di sicurezza, disposto dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Bari, i militari hanno arrestato presso il carcere di Bari, Antonio Romito, il 44enne pregiudicato, meglio conosciuto col soprannome ‘Maradona’. L’uomo, affiliato al clan Strisciuglio, sottoposto alla misura della libertà vigilata, è stato trovato in possesso di due pistole calibro 9, illegalmente detenute, entrambe munite di caricatori completi di cartucce.

Articoli correlati

Lascia un commento