Home Cronaca Andria, fermato a Bisceglie il 26enne autore della sparatoria di due giorni fa
26enne

Andria, fermato a Bisceglie il 26enne autore della sparatoria di due giorni fa

da Elvira Zammarano

La confessione fatta al magistrato, “questioni di donne”, ma non si escludono altri motivi.

Ad arrestarlo, ieri pomeriggio, i militari della Compagnia di Andria, coordinati dal sostituto Procuratore di turno della Procura di Trani. Ricostruita la dinamica del grave fatto delittuoso, il 26enne è stato condotto presso il carcere dei Foggia.

Lo scorso Martedì, 6 Aprile, L.F., pregiudicato andriese, 26enne, intorno alle ore 13, armato di una pistola, ha affrontato due coetanei in via Indipendenza, ad Andria. Il giovane, ha prima fatto fuoco su uno dei due, ferendolo alla caviglia, mentre l’altro riusciva ad allontanarsi frettolosamente in sella alla sua bici elettrica.

Ma il 26enne, alla guida dell’auto, lo ha comunque raggiunto per esplodergli contro altri due colpi di pistola che lo hanno centrato nella zona inguinale. Sul posto sono subito intervenuti i militari del Nucleo Operativo per eseguire e cristallizzare i primi accertamenti, curati dalla Squadra Rilievi del Gruppo Carabinieri di Trani, reparto da cui adesso dipende la Compagnia di Andria, mentre i feriti venivano trasportati in ospedale per le prime cure.

La svolta si è avuta ieri pomeriggio, quando i carabinieri di Andria sono riusciti a intercettare, a Bisceglie, l’aggressore, mentre usciva da un’abitazione, mettendo fine così alla sua breve latitanza. Il 26enne è stato poi condotto presso il comando dei Carabinieri per essere ascoltato dal Sostituto Procuratore di Trani a cui ha raccontato che il movente dell’attentato era dovuto a “questioni di donne”.

Le accuse per lui sono di tentato omicidio, possesso e porto di arma clandestina, violazione della sorveglianza speciale, a cui il 26enne era già sottoposto. A seguito delle dichiarazioni dell’arrestato sono in corso ulteriori accertamenti perchè gli inquirenti non escludono anche altri motivi legati alla droga.

Articoli correlati

Lascia un commento