Home Costume e società La cittadinanza onoraria al Milite Ignoto? Perché no, la proposta di Nazione Futura Taranto
nazione futura

La cittadinanza onoraria al Milite Ignoto? Perché no, la proposta di Nazione Futura Taranto

da Elvira Zammarano

“Sarebbe un gesto di civiltà e di amore per la democrazia”. È l’idea espressa da Anci e subito accolta dalla sezione tarantina del movimento politico-culturale e di aggregazione sociale Nazione Futura. Il movimento è attivo in tutta Italia con oltre cinquanta circoli territoriali ed era già presente nella provincia di Taranto, precisamente a Grottaglie. Il circolo di Taranto, invece, è relativamente giovane, in quanto nato nella primavera del 2017 ed è attualmente guidato dal consulente energetico e coordinatore, Federico D’Addato.

D’Addato, a nome del circolo di Taranto, accogliendo la proposta di Anci, afferma il valore intrinseco del Soldato Senza Nome, che non può essere ignorato rispetto al valore del sacrificio della vita offerta e, nondimeno, delle famiglie che, loro malgrado, questo sacrificio, hanno dovuto condividere. Dunque perché non attribuire al “Soldato Senza nome”, quello già tanti cittadini ritengono un giusto riconoscimento.

Per D’Addato “Il Soldato Senza Nome è un simbolo della nostra Nazione e ci aiuta a ricordare tutte le vittime dei conflitti che hanno visto il nostro Paese protagonista. Il 4 novembre 2021 – ha spiegato il responsabile – questa figura eroica compirà 100 anni e la stessa ANCI, per un sentimento comune di valori come il senso di comunità e solidarietà nazionale, ne ha promosso la cittadinanza onoraria”.

“Tuttavia – ha detto – su ottomila Comuni, meno di trecento hanno dimostrato di voler compiere un passo in avanti nei confronti di questa battaglia dal profondo ed altissimo senso civico e morale”. Noi, di “Nazione Futura, in virtù della (nostra) anima propositiva, ci predisponiamo da sempre nei confronti delle amministrazioni per fornire idee e proposte concrete, nell’interesse comune”. Pertanto, “A partire da me, come coordinatore – ha sottolineato Federico D’Addato -, con Leonardo Gnisci e Simone Giannattasio, viceresponsabili territoriali, promuoveremo la mozione, facendo appello anche alle forze politiche. Infatti – ha concluso il coordinatore – tutti gli elementi sono già stati predisposti dal circolo cittadino, che presenterà alle figure di riferimento politico del territorio l’intero testo della proposta”.

Articoli correlati

Lascia un commento