Home Cronaca Decreto sostegno, in arrivo soldi a fondo perduto per le Partite Iva
decreto

Decreto sostegno, in arrivo soldi a fondo perduto per le Partite Iva

da Francesco Tesoro

Oltre 3milioni sono le aziende e le Partite Iva a cui saranno destinate le risorse previste dall’ultimo decreto Sostegno emesso dal governo Draghi, “Contributo a fondo perduto per l’anno 2021”.

A disciplinare le modalità di accesso al contributo, ci sarà l’articolo 1 del D. L., anche se tutto rimane pressoché identico a ciò che è stato stabilito dal Governo Conte con il decreto Rilancio.

Ci saranno gli indennizzi a fondo perduto basati sulle perdite subite confrontando i periodi pre e post pandemia, non ci saranno, invece, i codici Ateco per coloro che svolgono attività di impresa o una professione. Rientreranno anche le attività del settore agrario purchè siano aziende site nel territorio dello Stato italiano.

La domanda dovrà essere presentata all’Agenzia delle Entrate di competenza territoriale, la quale si impegnerà a produrre la procedura operativa atta alle richieste.

Per godere del beneficio è necessario che l’azienda o l’attività abbia avuto e dichiarato un fatturato inferiore a 10milioni di euro nel 2019. Inoltre deve aver subito un calo del fatturato tra 2019 e 2020 di almeno il 33%; quindi l’aiuto economico a fondo perduto sarà calcolato sulla percentuale della perdita media mensile tra i due anni di esercizio dell’attività.

L’erogazione sarà:
Il 60% per soggetti con ricavi e compensi non superiori a 100.000 euro;
Il 50% per soggetti con ricavi e compensi superiori a 100.000 euro e fino a 400.000 euro;
Il 40% per soggetti con ricavi e compensi superiori a 400.000 euro e fino a 1.000.000 euro;
Il 30% per soggetti con ricavi e compensi superiori a 1.000.000 euro e fino a 5.000.000 euro;
Il 20% per soggetti con ricavi e compensi superiori a 5.000.000 euro e fino a 10.000.000 euro.

La Partita Iva, come stabilito dal decreto, alla presentazione della domanda, potrà scegliere se ricevere l’aiuto direttamente sul proprio conto corrente in danaro o sotto forma di credito di imposta da utilizzare in compensazione sul Modello F24.

Articoli correlati

Lascia un commento