Home Costume e società Evento MEIC: “L’architettura della pace nelle 3 grandi religioni monoteiste”
Evento

Evento MEIC: “L’architettura della pace nelle 3 grandi religioni monoteiste”

da Avv. Cosimo Martino

Il Movimento Ecclesiale di Impegno Culturale (MEIC), realtà ecclesiastica e culturale molto attiva nella nostra provincia, organizza una tavola rotonda sul tema “L’architettura della pace nelle tre grandi religioni monoteiste”. L’evento, in considerazione delle limitazioni imposte dall’emergenza covid, si svolgerà online, tramite piattaforma zoom,  giovedì 11 febbraio alle ore 19.30.

 

L’evento vedrà l’intervento del prof. Dammacco, docente di Diritto Ecclesiastico e Diritto Canonico, presso la Facoltà di Giurisprudenza-UNIBA, del porf. Abdellah Redouane, Segretario Generale del centro islamico Culturale d’Italia, del Rabbino della Comunità Ebraica di Napoli, Rav. Ariel Finzi. Le conclusioni sono affidate al dott. Antonio Lia, Presidente MEIC Bari.

Interverranno, altresì, il prof. Stefanì, professore associato per il Settore di Diritto Canonico e Diritto Ecclesiastico, presso l’UNIBA e Ivano Sassanelli, canonista e docente incaricato presso la Facoltà Teologica Pugliese di Bari. L’idea di tale incontro nasce dalla convinzione che le tre grandi religioni monoteiste possano offrire un contributo essenziale per la costruzione di un dialogo di pace. Le Scritture di ciascuna religione indicano un cammino di pace, ma dobbiamo anche riconoscere che, troppo spesso nella Storia, si sono strumentalizzati i contenuti delle Scritture, al fine di giustificare violenze, guerre e discriminazioni.

Il professor Dammacco sarà impegnato nell’ esegesi del settimo capitolo della Lettera Enciclica di Papa Francesco, “Fratelli tutti” del 3 ottobre 2020, documento che auspica il rafforzamento delle Istituzioni  internazionali, civili e religiose. La lotta contro povertà, ingiustizia e disuguaglianze economiche e sociali rappresenta l’unica via praticabile e il presupposto di qualsiasi politica di pace.

Il rabbino Ariel Finzi approfondirà il concetto di pace nella visione ebraica e biblica, anche nel solco di un fruttuoso dialogo tra Chiesa Cattolica e Popolo Ebraico, ricordando che la Shoah è stato uno dei più grandi crimini contro l’umanità, ma che  nel mondo si consumano, ancora quotidianamente genocidi e stermini, tante Shoah, come se la Storia non avesse insegnato nulla ad una sorda umanità.

Il professor Abdellah Rediuane, infine, formulerà alcune osservazioni circa le reazioni della comunità islamica alla pubblicazione della suddetta Enciclica sociale, comunicando, altresì, quelle che sono le iniziative del Centro islamico e della comunità islamica in materia di promozione del dialogo interreligioso, in vista dell’ edificazione di un cammino comune di pace.   

 

Articoli correlati

Lascia un commento