Home Cronaca Modugno, Crolla palazzina, la causa (forse) le forti piogge di questi giorni
Palazzina

Modugno, Crolla palazzina, la causa (forse) le forti piogge di questi giorni

da Elvira Zammarano

Ci risiamo: ancora crolli causati da piogge, maltempo e altre diavolerie atmosferiche. Fortunatamente la palazzina era vuota, altrimenti ci sarebbe stata la “solita” strage su cui parlare.  

Per fortuna al momento del crollo, la palazzina e via Marconi, erano deserte. L’edificio, infatti, era disabitato da almeno una decina d’anni e la proprietaria era morta l’anno scorso. Ma, se all’interno ci fossero stati senza tetto, clochard, insomma chiunque, e non è da escludere visti i tempi, sicuramente sarebbe stata una strage. Anzi la solita strage su cui discutere come sempre. Certo, non sono mancati i danni,  alle 23, ora del crollo, alcune auto erano regolarmente parcheggiate e una in particolare è stata danneggiata lievemente. Ma sono state danneggiate anche alcune tubature del gas che hanno messo in pericolo l’intera area, per cui, oltre allo sgombero degli edifici confinanti, è stato necessario l’intervento del personale specializzato per la messa in sicurezza. Inoltre, la rottura di un cavo elettrico, tranciato dal crollo, ha lasciato diverse famiglie senza corrente per molte ore. Dopo il fragore provocato dal cedimento, sono subito intervenuti i carabinieri, la polizia municipale, la protezione civile, i Vigili del fuoco, il personale specializzato ItalGas ed Enel e un’unità cinofila per la ricerca di eventuali persone sepolte dalle macerie. Fortunatamente, dopo 3 ore di lavoro i vigili del fuoco hanno escluso la presenza di persone all’interno dell’edificio. Intanto il sindaco di Modugno, Nicola Bonasia, in isolamento perchè positivo al Covid, dalla sua pagina Facebook fa sapere di essere “In continuo contatto con il vicesindaco Montebruno, l’assessore Lopez, il comandante della Polizia Municipale Di Turi e il comandante dei Carabinieri, Quarta, che sono sul posto per monitorare la situazione e coordinare le operazioni”.

Articoli correlati

Lascia un commento