Home Cronaca Modugno e dintorni, controlli DPCM: sanzioni, arresti e denunce
Modugno

Modugno e dintorni, controlli DPCM: sanzioni, arresti e denunce

da Elvira Zammarano

Una settimana di fuoco, ma non d’artificio. Si tratta del servizio messo in atto in quest’ultima settimana di festività dai Carabinieri di Modugno per contenere la diffusione del virus. Sotto la loro lente in modo particolare i paesi dell’interland barese, come Bitritto, Bitetto, Binetto, Grumo Appula, Toritto, Sannicandro di Bari e, naturalmente, Modugno.

Il rispetto delle norme anti covid contenute nel DPCM e delle ordinanze comunali, è stata la priorità assoluta per i militari in questi ultimi sette giorni e questo ha portato ad accertamenti capillari sul territorio con circa 860 persone controllate, di cui 88 sanzionate proprio per inosservanza delle norme.

Ad impegnare in modo particolare i militari, alcuni gravi episodi accaduti a Modugno e Bitetto. Avantieri notte, intorno alle 4.40, i militari, hanno fermato nella centralissima via Roma, a Modugno, un’auto con a bordo un uomo e una donna visibilmente “alticci”. Mentre i carabinieri procedevano con la sanzione a carico del guidatore per guida in stato di ebbrezza, la donna, una 40 enne, minacciava gravemente i militari. Oltre alla prima sanzione, ad entrambi è stata anche contestata la violazione del divieto di spostamento dalle 22 alle 5 e, in particolare, la donna è stata denunciata per minaccia e oltraggio a P.U..

Sempre a Modugno, un giovane, recidivo, è stato fermato alla guida di un’auto, senza aver mai conseguito la patente, mentre un altro giovane a Bitetto è stato sanzionato perché circolava alle 2 di notte, violando il coprifuoco, e segnalato alla prefettura perché in possesso di una dose di marijuana. Nello stesso paese, due nigeriani sono stati fermati, uno in stato di arresto per aver fornito generalità false e l’altro denunciato perché privo di permesso di soggiorno.

A Sannicandro di Bari, i militari hanno denunciato in stato di libertà un giovane del luogo, che guidava la propria auto in condizioni psicofisiche alterate per l’assunzione di stupefacenti. Trovato in possesso di 3 grammi di hashish, il giovane è stato anche segnalato in prefettura.

Analoga vicenda a Toritto, dove i carabinieri della locale stazione, hanno arrestato un 39enne, pusher, pregiudicato, mentre vendeva una dose di hashish a un giovane del luogo, segnalato poi alla Prefettura, e hanno denunciato a piede libero un 33enne, del posto, per resistenza a pubblico ufficiale e possesso di alcuni grammi di marijuana e un bilancino di precisione.

Articoli correlati

Lascia un commento