Home Cronaca WhatsApp, come difenderci dalla truffa del codice a 6 cifre
Whatsapp

WhatsApp, come difenderci dalla truffa del codice a 6 cifre

da Elvira Zammarano

Insidiosissima e temutissima perché la truffa WhatsApp, si nasconde dietro messaggi straordinariamente verosimili. Si tratta dell’ultima (?) trovata degli hacker sempre a caccia di nuove vittime digitali. Partiamo dai guai e dai danni che genera: possesso del profilo e dei dati ad esso connessi e ripetizione a catena della truffa sui nuovi contatti acquisiti. L’accesso ai dati personali è così garantito con tutte le possibili conseguenze facilmente immaginabili. Come avviene la truffa? Attraverso l’sms di un nostro contatto (la catena) che ci saluta con un “ciao” a cui fa seguito, “Ti ho inviato un codice per sbaglio, me lo rimandi?”. Di fatto, col messaggio arriva effettivamente un codice a 6 cifre ed è tutto verosimile. Ma, appena ci prodighiamo nel rimandare il codice al conoscente che per sbaglio l’ha inviato a noi (poi perché uno dovrebbe farsi rimandare un codice appena inviato se già ce l’ha…?!), il telefono si blocca inesorabilmente per sette giorni, durante i quali succede di tutto, compreso l’hackeraggio di almeno altri due nominativi della nostra rubrica. In sintesi, quando vediamo comparire sul nostro dispositivo la richiesta di un rinvio, da parte di un nostro conoscente, di una sequenza numerica, dubitate. Non toccate quel codice e avvisate il conoscente e, se possibile, anche gli altri contatti della vostra rubrica WhatsApp.

Articoli correlati

Lascia un commento