Home Salute Vaccino Covid, grave reazione allergica, infermiera finisce in rianimazione
Vaccino infermiera

Vaccino Covid, grave reazione allergica, infermiera finisce in rianimazione

da Elvira Zammarano

Lo ha segnalato il “New York Times”, dopo che un’operatrice sanitaria del Barlett Regional Hospital di Juneau, in Alaska, sottoposta al vaccino Pfizer e Biontech, ha avuto una gravissima reazione allergica. La donna, per incrementare la campagna di vaccinazione – fiducia nei vaccini – proposta dal governo statunitense, lo scorso 11 dicembre, aveva accettato di farsi iniettare, in tv, la prima fiala contro il covid.  La donna, riferiscono le fonti ospedaliere, era in buona salute e senza alcun problema di tipo allergico. 

Dieci minuti dopo la somministrazione della prima dose, l’infermiera ha cominciato a star male, manifestando rush cutaneo, tachicardia e una forte crisi respiratoria. Per superare la reazione, i medici hanno dovuto somministrarle l’epinefrina, ma senza grossi risultati. Infatti, i sintomi non solo si sono ripresentati, ma addirittura aggravati, tanto da indurre i medici a trattarla col cortisone e a ricoverarla in terapia intensiva. Le stesse fonti sanitarie, ora, fanno sapere che l’operatrice “si è ripresa e sta bene ed è entusiasta del vaccino”.

Articoli correlati

Lascia un commento