Home Cronaca 150 gruppi pedofili attivi nel mondo, 81 gli italiani coinvolti, violenze anche sui neonati
Gruppi

150 gruppi pedofili attivi nel mondo, 81 gli italiani coinvolti, violenze anche sui neonati

da Elvira Zammarano

53 province e 18 Regioni italiane, da stamattina, sono sotto la lente della Polizia Postale decisa a smantellare una imponente attività criminale dedita alla diffusione di materiale pedopornografico on line.

Gli uomini della polizia postale di Milano e del C.N.C.P.O. – Centro Nazionale per il Contrasto della Pedopornografia Online del Servizio Polizia Postale di Roma, coordinati dai Procuratori Aggiunti Fusco e Mannella, con i Sostituti Barilli e Tarzia della Procura Distrettuale di Milano, dopo due anni di indagini condotte “sotto copertura” sulla rete Internet, hanno identificato 432 utenti, in tutto il mondo, che utilizzando WhatsApp e Telegram, partecipavano a “canali” e “gruppi” dove venivano condivise foto e video pedopornografici.
Protagonisti indifesi, poveri bambine e bambini in tenerissima età, addirittura neonati, maltrattati e abusati sessualmente. Dei 159 gruppi intercettati, 16 erano associazioni per delinquere finalizzate alla diffusione del materiale pedopornografico, ben strutturate, al cui interno si potevano distinguere i ruoli e i compiti degli “associati”, dai promotori agli organizzatori.
Ciascun gruppo era regolato da precise e severe norme di comportamento finalizzate a preservare l’anonimato e, quindi, la “sicurezza” dell’intero sodalizio criminale. La violazione di tali regole comportava, infatti, l’espulsione da parte degli amministratori.
Gli italiani identificati e indagati dalla Polizia Postale milanese, sono 81 e 17 gli arrestati. La maggior parte di loro, lombardi e campani,  di estrazione sociale ed età molto diverse, affermati professionisti, operai, studenti, pensionati, impiegati privati e pubblici, un vigile urbano e diversi disoccupati, dai 18 ai 71 anni.
A gestire i gruppi, le attività e il reclutamento dei nuovi sodali, a livello mondiale, c’erano un ottico con collaborazioni universitarie, napoletano, di 71 anni e un disoccupato veneziano di 20. Le perquisizioni hanno portato anche al sequestro di diversa strumentazione informatica, telefonini, tablet, hard disk, pen drive, computer e account di email e profili social.Il fenomeno ha riguardato anche alcune province pugliesi, dove sono state eseguite 4 perquisizioni – 3 nella provincia di Bari e 1 nella provincia di Taranto. Sono stati sequestrati 5 smatphone in uso agli indagati, di età compresa tra i 18 e i 50 anni, tutti disoccupati.

La Polizia invita gli utenti a segnalare prontamente eventuali contenuti illeciti presenti sul web, rivolgendosi al Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni sia mediante il Commissariato di P.S. Online (www.commissariatodips.it).

 

Articoli correlati

Lascia un commento