Home Salute Il DPCM in pillole: dalle festività Dicembre 2020 al 15 Gennaio 2021
DPCM

Il DPCM in pillole: dalle festività Dicembre 2020 al 15 Gennaio 2021

da Francesco Tesoro

“Sarà un Natale diverso da tutti gli altri ma non meno autentico”, sono le parole che il premier  Conte, ha pronunciato presentando, in conferenza stampa, il nuovo DPCM. E ancora, “Entro Natale tutte le Regioni saranno gialle, ma la strada per sconfiggere la pandemia è ancora lunga, dobbiamo scongiurare la terza ondata che potrebbe arrivare già a gennaio e potrebbe avere la stessa violenza della prima e delle seconda”.

Ecco una sintesi delle nuove prescrizioni contenute nel nuovo DPCM:

SPOSTAMENTI: dal 21 dicembre al 6 gennaio saranno vietati tutti gli spostamenti tra Regioni anche per raggiungere le seconde case. Consentito il rientro nel comune di residenza, domicilio o dove si abita con continuità. Questo consentirà il ricongiungimento delle coppie lontane e distanti per motivi di lavoro ma che convivono con una certa periodicità nella stessa abitazione. Tra gli spostamenti consentiti in caso di necessità ci sono quelli per prestare assistenza agli anziani non autosufficienti. Nei giorni 25 e 26 dicembre e 1gennaio vietati gli spostamenti anche tra Comuni. Coprifuoco dalle 22 alle 5, esteso fino alle 7 nel giorno di Capodanno. Chi torna dall’estero dovrà effettuare una quarantena, così come gli stranieri che arrivano in Italia.

RISTORAZIONE: Le attività dei servizi di ristorazione (bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) sono consentite dalle ore 5 sino alle ore 24 con consumo al tavolo, ma con (massimo) 6 persone a tavolo (stop tavolate), e sino alle ore 18.00 in assenza di consumo al tavolo. Gli esercenti sono obbligati ad esporre all’ingresso del locale un cartello che riporti il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente all’interno del locale, sulla base dei protocolli vigenti. Chi non ha tavoli può fare asporto fino alle 24, senza però che ci sia consumo sul posto o nelle vicinanze. Consentite sempre le consegne a domicilio.

SPORT: L’attività sportiva dilettantistica di base, le scuole e l’attività formativa di avviamento relative agli sport di contatto sono consentite solo in forma individuale e non sono consentite competizioni. Sono consentiti soltanto gli eventi e le competizioni riguardanti gli sport individuali e di squadra riconosciuti di interesse nazionale o regionale. Sono sospese tutte le gare, le competizioni e le attività connesse agli sport di contatto aventi carattere ludico-amatoriale.

PALESTRE E PISCINE: Palestre e piscine devono rispettare rigorosamente i protocolli di sicurezza, che siano in linea con le valutazioni del comitato tecnico scientifico.

SAGRE: Sono vietate le sagre e le fiere di comunità. Restano consentite le manifestazioni fieristiche di carattere nazionale e internazionale.

SALE GIOCHI: Le attività di sale giochi, sale scommesse e sale bingo sono consentite dalle ore 8 alle 21.

RIUNIONI E CONVEGNI: Sono sospese tutte le attività di convegni o congressi, ad eccezione di quelle che si svolgono con modalità a distanza. Tutte le cerimonie pubbliche si svolgono nel rispetto dei protocolli e linee guida vigenti e a condizione che sia assicurate specifiche misure idonee a limitare la presenza del pubblico, ad accezione di quelle di rilevanza nazionale che si svolgono senza la presenza di pubblico. Tutti i sindaci possono disporre la chiusura al pubblico, dopo le ore 21, di vie o piazze nei centri urbani, dove si possono creare situazioni di assembramento, fatta salva la possibilità di accesso e deflusso agli esercizi commerciali legittimamente aperti e alle abitazioni private.

SCUOLA: Dal 7 gennaio ripartirà la didattica in presenza, al 75%”.

MESSA DI NATALE: L’ipotesi più accreditata resta l’anticipazione dell’orario tra le 18 e le 20 . La comunità dei Vescovi (Cei – Conferenza Episcopale Italiana) assicura, “ci sarà una piena osservanza delle norme del DPCM, è apparso chiaro come sia possibile celebrare in condizioni di sicurezza”. Intanto la UE raccomanda, “Evitare assembramenti e prediligere iniziative online e in tv”.

Articoli correlati

Lascia un commento