Home Scuola Scuola, Emiliano si ripete, tutti nuovamente in ddi e dad fino a Gennaio, in arrivo la nuova ordinanza
Scuola

Scuola, Emiliano si ripete, tutti nuovamente in ddi e dad fino a Gennaio, in arrivo la nuova ordinanza

da Elvira Zammarano

La proposta sarebbe quella di continuare fino a Gennaio con la ddi,  dalle scuole medie in giù, e con la dad per le secondarie di secondo grado.

Ricordiamo che con l’ordinanza 413, il governatore Emiliano – dopo l’attacco del codacons e di un gruppo di genitori contrari alla didattica a distanza e con il successivo intervento, a loro favore del Tar barese – se agli studenti delle scuole superiori  ha consentito di continuare in dad, da casa, a quelli delle medie e della primaria, ha ordinato, invece, l’immediato rientro a scuola, in presenza, lasciando, ai genitori, la facoltà di servirsi della didattica a distanza (dad), in caso di necessità. 

E’ bene pure ricordare che questo stato di cose ha creato gravi disagi all’organizzazione della scuola, ai presidi, al personale ata e agli insegnanti – disagio peraltro tuttora in corso.  Già è molto complicato programmare, progettare, portare avanti di routine, un lavoro di suo “stratificato”, preorganizzato e calendarizzato, proviamo ora a immaginarlo continuamente sovvertito da ordinanze, tar, richieste dei genitori e covid in prima linea.

Quindi, allo scadere dell’ordinanza 413, prevista per il prossimo 3 Dicembre, se venisse nuovamente confermata l’ipotesi di lasciare alle famiglie ancora una volta la scelta, se tenere a casa o meno i propri figli, si continuerebbe “così” fino a Gennaio.

Anche se i numeri (pre natalizi) dei contagi, a livello nazionale, sembrerebbero più o meno confortanti (tranne quelli dei decessi), l’assessore alla Sanità della Puglia, Lopalco, continua a sottolineare la pericolosità pandemica a cui la scuola, per ovvi motivi, è soggetta.

Tra le tante voci in cerca di soluzioni, molte delle quali davvero suggestive, rimangono in sospeso gli screening promessi, per tutto il personale scolastico e l’eterno problema dei  trasporti. Su questo (e speriamo anche su altro) si discuterà domani in un incontro tra i vertici della Regione Puglia e dell’Ufficio scolastico regionale. 

Articoli correlati

Lascia un commento