Home Cronaca In ricordo dell’Appuntato Giuseppe Filippo a 40 anni dalla sua morte
Giuseppe Filippo

In ricordo dell’Appuntato Giuseppe Filippo a 40 anni dalla sua morte

da Elvira Zammarano

L’appuntato Giuseppe Filippo, medaglia d’oro al merito civile, fu ucciso, 40 anni fa, da un commando di terroristi di “Prima Linea”.

Giuseppe Filippo

Oggi, ricorre l’anniversario della sua morte, per l’occasione, all’interno della Questura, è stata celebrata una sobria e riservata cerimonia, con la deposizione di una corona di fiori davanti alla targa che lo ricorda. Erano presenti il Sindaco Decaro, il Prefetto di Bari, d.ssa Bellomo, il Questore di Bari, Giuseppe Bisogno e i figli del militare caduto.

Dopo aver frequentato la Scuola Allievi delle Guardie di Pubblica Sicurezza, a Roma, Giuseppe Filippo, aveva prestato servizio presso i Reparti e le Scuole di Catania, Genova e Caserta, per prendere poi servizio presso la Questura di Bari. Il 28 Novembre 1980, mentre rincasava, in uniforme, al termine del servizio, nell’androne dello stabile dove abitava con la sua famiglia, Filippo venne affrontato da alcuni individui travisati che tentarono di sottrargli la pistola d’ordinanza.

L’agente, nel tentativo estremo di difendere la propria uniforme, reagì, ingaggiando con loro una colluttazione. I terroristi, allora, lo colpirono con due proiettili, gli sottrassero l’arma e si dettero alla fuga a bordo di un’auto rubata.

Giuseppe Filippo fu subito soccorso, ma morì, poco dopo al Policlinico di Bari. Al termine delle attività investigative, la Procura di Bari, condividendo quanto accertato dall’Antiterrorismo e dalla Digos, il 19 gennaio 1982, emetteva un ordine di cattura nei confronti di 43 persone, ritenute responsabili di costituzione e partecipazione a banda armata denominata “Prima Linea”, e per alcuni di essi di omicidio pluriaggravato e rapina.

Per l’uccisione dell’appuntato furono condannati in via definitiva tre militanti del commando armato. Oggi, ricorre l’anniversario della sua morte, per l’occasione, all’interno della Questura, è stata celebrata una sobria e riservata cerimonia, con la deposizione di una corona di fiori davanti alla targa che lo ricorda. Erano presenti il Sindaco Decaro, il Prefetto di Bari, d.ssa Bellomo, il Questore di Bari, Giuseppe Bisogno e i figli del militare caduto.

Articoli correlati

Lascia un commento