Report vaccinazioni in Italia (NEW)
Coronavirus nel mondo (NEW)

Bari, Peculato in concorso ai danni dell’Asl Bari, denunciati tre dipendenti

16 mila euro, a questo ammonta la somma di cui si sono indebitamente appropriati tre dipendenti dell’Asl, omettendo di versare alla tesoreria dell’A.S.L. di Bari, le somme dei Tiket C.U.P.. I tre dipendenti per ragioni di servizio, avevano il possesso e la disponibilità del denaro incassato presso il C.U.P., denaro di cui si appropriavano, omettendo di versarlo alla tesoreria dell’A.S.L. di Bari, nascondendosi dietro una rendicontazione omissiva e mendace e persino dietro la simulazione di un furto. L’attività di indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Trani – diretta dal dott. Renato Nitti – ha potuto contare sull’attività di auditing dell’ASL Bari che ha consentito, in prima battuta, di individuare un’anomalia sui flussi finanziari dei versamenti e della consistenza di cassa del “C.U.P.  Ticket del Distretto Socio Sanitario/2”, di Ruvo di Puglia (BA) e dei corrispondenti versamenti alla tesoreria della stessa Azienda sanitaria. La ricostruzione dei Finanzieri ha portato alla identificazione dei tre dipendenti Asl – nel frattempo sospesi – che sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Trani, per peculato in concorso (reato punito con la reclusione da quattro a dieci anni). Inoltre, nei loro confronti, è in corso un decreto di sequestro preventivo, emesso dal G.I.P. di Trani ed eseguito dal Comando Provinciale Finanzieri Bari e Trani, dipendente a sua volta, dal Gruppo di Barletta. Il decreto è  finalizzato alla confisca per equivalente dei beni fino al raggiungimento delle somme indebitamente sottratte. 

 

 

Condividi su:

Lascia un commento