Home Salute Covid Italia: in 24 ore salgono contagi e decessi, la Puglia chiude tutte le scuole
Covid

Covid Italia: in 24 ore salgono contagi e decessi, la Puglia chiude tutte le scuole

da Elvira Zammarano

Non si ferma la curva dei contagi da Covid e riprende a salire anche il numero dei morti, per l’esattezza 205 solo nelle ultime 24 ore.  Così come il numero dei contagiati che via via si fa sempre più “importante”, sfiorando ormai le 25 mila unità.  Un dato significativamente più alto dei guariti e questo la dice lunga sulla drammaticità della situazione. Anche per le terapie intensive il quadro è preoccupante: sono 125 in più, sempre nelle ultime 24 ore, ovvero di poco inferiore a quello di ieri (+127), per un totale di 1.536 persone in rianimazione. In Italia, è certo, ci sono ormai più positivi che guariti. Tra le “osservate speciali”, diverse Regioni italiane: la Lombardia con 7.558 nuovi casi, il Piemonte con oltre 2.800, la Campania con 2.427, il Veneto con 2.123 e il Lazio con 1.963 nuovi contagi. Mentre la Regione con il minore incremento è il Molise con “solo” 19 casi.

Per quanto riguarda la Puglia, Lopalco parla di “Scenario preoccupante”, con 13 decessi e 772 positivi Covid in un giorno e un nuovo picco di ricoverati (64 nelle ultime 24 ore). Il maggior numero di positivi si registra in provincia di Bari, con 359 casi, 39 in provincia di Brindisi, 86 in provincia BAT, 117 in provincia di Foggia, 39 in provincia di Lecce, 127 in provincia di Taranto, 4 attribuiti a residenti fuori regione e 1 caso di provincia di residenza non nota.

Intanto Emiliano, in una diretta tv su Sky, ha preannunciato l’imminente chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado in Puglia. Il nuovo provvedimento sarà comunicato all’Ufficio Scolastico regionale e al Governo. “Abbiamo dovuto prendere una decisione difficile, quella di sospendere la didattica in presenza in tutte le scuole di ogni ordine e grado”, ha detto il Presidente delle Regione Puglia”. “Nelle scuole primarie abbiamo numeri pesantissimi, restano escluse dal provvedimento le scuole per l’infanzia, dove la frequenza non è obbligatoria”. “Abbiamo verificato – ha detto ancora – che l’aumento dei contagi è coinciso con la riapertura delle scuole”.

 

 

 

 

Articoli correlati

Lascia un commento