Home Costume e società Cellamare (Ba), Il Sindaco soccorritore sempre in prima linea 
Sindaco Cellamare

Cellamare (Ba), Il Sindaco soccorritore sempre in prima linea 

da Elvira Zammarano

Gianluca Vurchio, Sindaco (e) soccorritore del 118. Per carità, non è uno slogan, ma è la professione e mission del primo cittadino di Cellamare, un paese in provincia di Bari con non più di seimila abitanti.

L’idea di scrivere, mi è venuta dopo aver visto una sua foto pubblicata sulla sua pagina FB. Lo scatto, che lo ritrae in tenuta da soccorritore, sfinito dopo una giornata di lavoro, racchiude tutta la stanchezza e la rassegnazione di questi uomini e donne impegnati quotidianamente sul campo. Eccezionali operatori sanitari che, bardati fino all’impossibile, si muovono come rinoceronti in una cristalleria attenti a non far danno. Questo scatto, dicevo, mi ha indotto ad una ulteriore riflessione. Un Sindaco, in fondo, non è uno che ascolta, accompagna, accoglie, si interessa e risolve, se possibile, i problemi della comunità? Non può essere dunque ritenuto anche lui una sorta di “soccorritore istituzionale”? È questo ciò che mi ha colpito, il sottile legame tra ruolo pubblico e professionale di quest’uomo. Certo, si tratta di un caso. Ma è curioso scoprire come alcune volte, certe realtà si incrocino e sovrappongano, per dare vita ad un mix perfetto. Essere soccorritore, a tutto tondo,  se vogliamo, umanamente, può fare davvero la differenza.

“Questa foto – sono le sue parole – rappresenta tutti gli operatori sanitari che quotidianamente sono in trincea. E’ stata una giornata difficile, davvero. Ho visto gente soffrire, ho trasportato pazienti critici, ho scrutato in loro e nei loro parenti il dolore e la paura di non farcela o di non riveder mai più il proprio caro. Il virus esiste, per davvero. E fa male, molto male. Mettiamo la mascherina – ha concluso con un monito – facciamo attenzione. Proteggiamoci noi e proteggeremo anche gli altri”.

Articoli correlati

Lascia un commento