Home Cronaca Invasione di cavallette: Sardegna e Puglia le più colpite
cavallette

Invasione di cavallette: Sardegna e Puglia le più colpite

da Francesco Tesoro

Uno sciame di cavallette sarebbe arrivato dall’Africa e dal Medio Oriente, e grazie al clima mite e secco, sono riuscite a riprodursi a dismisura. In Italia, la Regione più colpita risulta essere la Sardegna. Ma anche qui da noi, in Puglia, a causa del fortissimo vento di scirocco di questi giorni,  si è assistito specie nell’ultimo weekend, ad una mini invasione di locuste. Centri abitati, strade cittadine, balconi e terrazzi di numerose abitazioni sono stati letteralmente presi d’assalto causando grande disagio alle persone.

Ora si stanno calcolando i danni ed i conteggi hanno raggiunto i milioni di euro, e già per molti sindaci è scattata la  richiesta dello stato di calamità naturale. Il settore agricolo, già in forte crisi economica dopo la pandemia, viene ulteriormente messo a dura prova da questa nuova minaccia. Molti agricoltori, addirittura, hanno dovuto anticipare il tempo del  raccolto o hanno dovuto destinarlo a foraggio per gli animali. Si stima che siano stati distrutti oltre 30.000 ettari di campi destinati alla coltura di grano, ortaggi, foraggi ed erba medica. Per la Banca Mondiale questa sarebbe la peggiore invasione di locuste degli ultimi 70 anni e le conseguenze economiche, sull’agricoltura, potrebbero essere devastanti.

Per Coldiretti questa è ormai un’emergenza e l’unica arma a disposizione degli agricoltori è bruciare i campi. Dunque non solo il Covid ad impensierire e a far calare la produzione e le attività delle aziende agricole, ora, ci sono anche le cavallette. Gli esperti che si sono mobilitati per analizzare il problema e cercare una soluzione, affermano che una speranza potrebbe arrivare dai predatori naturali, come gli uccelli.

 

 

Articoli correlati

Lascia un commento