Home Cronaca Bitetto (BA), omicidio del 26 enne Brescia, trovata l’arma del delitto
coltello

Bitetto (BA), omicidio del 26 enne Brescia, trovata l’arma del delitto

da Elvira Zammarano

Un efferato omicidio compiuto nella notte tra l’11 e il 12 settembre scorso che mise fine alla vita del  26enne Nicola Brescia e causò il ferimento di altre due persone, il padre di Nicola, Angelo Brescia 50 anni e  e della 22 enne Marilena Toscano, ex convivente dell’omicida Giuseppe Pace.

L’efferatezza con cui Giuseppe Pace si scagliò contro il rivale in amore e le altre vittime, che cercarono in tutti i modi di evitare il dramma, non si attenuò neppure davanti al figlio, quattrenne, della coppia che si stava separando. Il 26 enne, arrestato subito dopo dai Carabinieri, è ora accusato di omicidio volontario e duplice tentato omicidio.

Secondo i primi accertamenti, l’uomo si sarebbe recato alle 3 di notte, in compagnia del bambino, chiedendo all’ex moglie di tenerlo. Ma appena arrivato sotto l’abitazione di Nicola Brescia, avrebbe violentemente litigato con lui, e alla presenza del bambino, lo avrebbe ucciso, ferendo poi l’ex compagna  e madre del piccolo, Marilena Toscano, e il padre della vittima.

Le indagini avviate nell’immediato, coordinate dal sostituto Procuratore di Bari, Dr.ssa Toscani, hanno permesso di ritrovare a pochi giorni dall’arresto, l’arma del delitto utilizzata da Giuseppe Pace. I carabinieri di Modugno, scandagliando i vicoli del centro storico di Bitetto, prima di mezzanotte, sul pergolato di un’abitazione hanno trovato una maglietta di nera, verosimilmente indossata dal killer durante l’omicidio e sotto un altro pergolato di un fabbricato disabitato, un coltello lungo oltre 30 cm ancora sporco di sangue. L’indumento ed il coltello sono stati sottoposti a sequestro e attualmente sono a disposizione dell’Autorità Giudiziaria per gli accertamenti di natura tecnico scientifica.

Articoli correlati

Lascia un commento