Home Cronaca Bari, 40 milioni di euro di incentivi per fotovoltaici, mega truffa allo Stato
fotovoltaici

Bari, 40 milioni di euro di incentivi per fotovoltaici, mega truffa allo Stato

da Elvira Zammarano

Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Bari e svolte congiuntamente dalle Fiamme Gialle, sono durate 3 anni e hanno permesso di accertare l’indebita percezione degli incentivi economici destinati alla produzione di energia elettrica derivante da impianti di tipo fotovoltaico.

Fotovoltaici

I fatti risalgono al periodo tra il 2008 ed il 2011, allorquando sul territorio di Bari e provincia, grossi nomi dell’imprenditoria del Nord e Centro Italia, con il sostegno di alcuni imprenditori nostrani e la compiacenza di pubblici funzionari del luogo, hanno realizzato tre parchi fotovoltaici frammentandoli “sulla carta” in 10 impianti fotovoltaici contigui, ciascuno della potenza nominale inferiore alla soglia di 1 Mw. Questo ha permesso alle società coinvolte di accedere più facilmente alle autorizzazioni necessarie per l’inizio delle attività, raggirando il Gestore del servizio energetico, che corrispose loro incentivi economici non spettanti pari a 40 milioni di euro.

Nel 2018, l’esito delle indagini evidenziò la responsabilità penale di 37 persone tra, imprenditori, tecnici e funzionari pubblici, per la produzione di falsi in atto pubblico, falso aggravato e truffa e per il conseguimento di erogazioni pubbliche e profili di responsabilità amministrativa derivante dalla omessa adozione di protocolli idonei a prevenire il reato di truffa, per le 6 società coinvolte negli illeciti.

Oggi, alla luce degli elementi acquisiti, il Tribunale di Bari, ha disposto il sequestro preventivo “impeditivo” dei dieci impianti fotovoltaici ubicati nella provincia di Bari, del valore di circa 50 milioni di euro, nonché il sequestro “diretto” e “per equivalente”, nei confronti delle persone fisiche e delle società indagate, di beni e disponibilità finanziarie fino alla concorrenza di circa 40 milioni di euro, pari agli incentivi economici illecitamente percepiti.

L’esecuzione del provvedimento svolto dai Finanzieri del Comando Provinciale e del Reparto Operativo Aeronavale di Bari, emesso dalla locale Procura della Repubblica in relazione ai reati di falso aggravato e truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, nonché in relazione alla “responsabilità amministrativa da reato” delle società coinvolte, ha interessato 17 centri distribuiti nelle Regioni del Trentino Alto Adige, Veneto, Lombardia, Toscana, Lazio, Puglia, Basilicata, Calabria e Abruzzo e l’impiego di ben 100 finanzieri.

Fotovoltaici

 

Articoli correlati

Lascia un commento