Home Salute Confintesa Puglia Medici, la denuncia del segretario provinciale Bellini, “Troppi proclami, ma siamo in affanno. Urgono direttive comportamentali”
Confintesa Puglia Medici

Confintesa Puglia Medici, la denuncia del segretario provinciale Bellini, “Troppi proclami, ma siamo in affanno. Urgono direttive comportamentali”

da Elvira Zammarano

È ciò che riporta il comunicato del segretario provinciale di Confintesa Puglia UGSMedici, dott. Vito Bellini. Il segretario chiede esplicitamente al presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, e al Direttore del Dipartimento di promozione alla salute e al benessere sociale, Vito Montanaro, un pubblico confronto per dipanare diverse questioni e per redarre un documento definitivo e valido per tutti, sui comportamenti da adottare, nelle strutture sanitarie, a garanzia della sicurezza dei lavoratori e della stessa utenza.

Nel comunicato il segretario lamenta  la palese (sconcertante) contraddizione  tra i tanti, troppi, proclami istituzionali di una ritrovata efficienza, rispetto alla reale e concreta situazione di inefficienza in cui versa la sanità territoriale e ospedaliera. Per Bellini, “La Sanità è in affanno”. E “i cittadini sono in chiara difficoltà a ricevere cure mediche”. “Ciò è dovuto alla mancanza di direttive chiare sulle procedure da rispettare nei vari settori sanitari da parte di tutti gli organi competenti e delle Dirigenze sanitarie”. Il sindacato USG Medici rivendica di fatto direttive (sanitarie) chiare e adottabili da tutti, perciò che concerne il rispetto delle procedure (attualmente mancanti) nei vari settori del comparto da parte degli organi competenti e delle Dirigenze, ma soprattutto la standardizzazione delle procedure di sanificazione degli ambienti e delle attrezzature e la pianificazione cronologica di tali procedure.

“Tale condizione – ribadisce – sta mettendo a dura prova l’efficienza e la salute degli operatori e dei cittadini con un  incremento del rischio globale”.

È inammissibile, dice Confintesa, che vengano messe in atto iniziative di tipo personalistico per la sanificazione periodica degli ambienti che “spesso  contravvengono a precedenti direttive sulle procedure e sull’esecuzione degli esami strumentali da parte dei vari Dirigenti sanitari, con una crescita del malcontento e della confusione”. Così come è inammissibile  “La mancanza di una nuova stesura dei DVR aziendali e di una rivalutazione dello stress lavoro correlato”, post evento Covid”.

Articoli correlati

Lascia un commento