Home Cronaca Pedopornografia made in Italy, tra le città anche Bari, il listino

Pedopornografia made in Italy, tra le città anche Bari, il listino

da Elvira Zammarano

Nel nostro precedente articolo avevamo scritto di un’organizzazione italiana di pedofili che scambiava video, video chat pedopornografiche, sex chat anche dal vivo e immagini correlate di minorenni. Il materiale viaggiava attraverso una chat privata di una nota piattaforma di messaggistica on-line. L’organizzazione agiva a livello nazionale e ha interessato, per ora, 12 Regioni e in particolare le città di Bari, Foggia, Roma, Monza Brianza, Varese, Cremona, Siena, Agrigento, Palermo, Bologna, Fermo, Ascoli Piceno, Treviso, Chieti, Savona, Imperia e Torino.

21 le perquisizioni eseguite dagli investigatori della Polizia Postale di Bari e Foggia, coordinati dal  CNCPO (Centro Nazionale di Contrasto alla Pedopornografia Online e protezione dei minori), nei confronti di minori ed adulti, per il reato di divulgazione di materiale pedopornografico. I provvedimenti sono stati emessi dal Sost. Proc. Curione e dal Sost. Proc. Plotino, rispettivamente della Procura del Tribunale di Bari e del Tribunale per i Minorenni di Bari. Al vaglio degli inquirenti ci sono numerosi telefonini e computer che hanno evidenziato effettivamente un preoccupante quadro sul cattivo utilizzo dello strumento informatico da parte dei minori.

Come riportato nel nostro precedente articolo, tutto è partito dalla denuncia di 2 genitori insospettiti dall’intenso uso, da parte della figlia, di alcuni social e dalla presenza sul suo telefono di una chat, attraverso cui, la minore, inviava immagini sessuali. Tra i destinatari anche un suo amico, minorenne, presunto ideatore del business. Il ragazzino, in sostanza,  utilizzando l’account della ragazza, in cambio di piccole somme di denaro, si sostituiva a lei chattando con diversi utenti, a cui prometteva, per soldi, l’invio di materiale di natura sessuale. I poliziotti hanno anche accertato, poi,  la presenza on line di un vero e proprio listino prezzi con tariffe differenziate a seconda delle richieste sessuali:

“Videochiamata 45 min. omaggio 10 foto 1 video e 3 dediche = 40€”;
“Videochiamata 1 ora e mezza (se si vuole anche in vari orari) = 50€”;
“Sexchat 45 minuti in cui faccio da schiava = 30€”;
“10 foto dei piedini. Omaggio audio in cui dico porcate = 10 €”;
“10 foto a scelta + video masturbazione. Omaggio audio in cui dico porcate = 20€”

Sono tuttora in corso, da parte degli esperti della Polizia Postale, approfondite analisi di tutti i supporti sequestrati al fine di acquisire le prove informatiche e verificare il coinvolgimento di altri soggetti, nonché l’ambito di diffusione del fenomeno.

Articoli correlati

Lascia un commento