Home Cronaca Bari, Polfer denuncia 30 enne per atti osceni in luogo pubblico
Polfer Bari

Bari, Polfer denuncia 30 enne per atti osceni in luogo pubblico

da Elvira Zammarano

Trentenne,  di origini pachistane, a bordo del treno Freccia Argento Roma-Lecce, nel pomeriggio del 10 luglio u.s, aveva cominciato a masturbarsi visibilmente e senza problemi in presenza degli altri passeggeri, tra cui una donna. Allertata dal Capotreno,  la Centrale Operativa Compartimentale della Polizia Ferroviaria è subito intervenuta inviando una pattuglia, per placare le improcrastinabili necessità dell’uomo e denunciarlo per atti osceni in luogo pubblico.

Sabato scorso, 15 luglio, sempre nella stazione di Bari, è stato denunciato un ventisettenne italiano, residente nella provincia di Fermo, per resistenza a Pubblico Ufficiale. Durante un controllo di routine, il giovane, improvvisamente, si è dato alla fuga, abbandonando documenti e zaino nelle mani degli agenti della Polfer. Bloccato poco dopo, il giovane risultava gravato dalla misura di prevenzione dell’Avviso Orale e veniva così segnalato in ordine all’aggravamento della misura.

A distanza di qualche ora, un cinquantottenne barese, senza fissa dimora, è stato soccorso dagli agenti del Reparto Operativo di Bari Centrale a seguito di una caduta accidentale. Oltre alla richiesta di intervento al 118, i poliziotti hanno subito contattato l’amministratore di sostegno, nominato tempo fa dal Polfer nell’ambito del protocollo “Missione dignità”, sottoscritto nel giugno del 2013, presso la Prefettura di Bari. Il protocollo ha come obiettivo la cura e l’attenzione verso le fasce più deboli  e bisognose in situazioni critiche, quali minori e senza fissa dimora.

 

 

 

Articoli correlati

Lascia un commento