Home Lavoro   Noci (BA), Giovane indiano sfruttato. Arrestato imprenditore agricolo
giovane sfruttato

  Noci (BA), Giovane indiano sfruttato. Arrestato imprenditore agricolo

da Elvira Zammarano

Le province di Bari e Bat sotto la lente della “task force” dei carabinieri contro il drammatico fenomeno dello sfruttamento del lavoro. Ancora una volta un arresto per violazioni riguardanti l’ambito occupazionale. Da un po’ i militari avevano intercettato un’azienda agricola di Noci, il cui titolare, V.L., 47 enne del posto, impiegava quotidianamente nei lavori di pastorizia, un giovane, 22 enne, di origini indiane. Dalla mattina prestissimo al tramonto, tra pascolo e mungitura, il poveretto era costretto a lavorare in media un minimo 7 ore al giorno con una paga di € 23, mentre il contratto collettivo nazionale, come sappiamo, per le stesse mansioni, ne prevede almeno 70 lorde. Il giovane accettava il vergognoso trattamento per poter contribuire al sostentamento della famiglia rimasta nel suo paese d’origine. Dalla documentazione è risultato, inoltre, che il 22 enne, non aveva neppure il permesso di soggiorno, che non aveva mai fatto formazione sui rischi per la salute e la sicurezza sul lavoro, ne mai una visita medica preventiva e periodica, che i suoi pagamenti erano sistematicamente in “nero” e quindi privi di tracciabilità. Pertanto, V.L. è stato arrestato con l’accusa di sfruttamento del lavoro e contestualmente gli sono state elevate sanzioni amministrative ed ammende per € 78.000, nonchè l’accertamento di un danno erariale di 10.000 per i mancati versamenti contributivi. L’arresto è stato successivamente convalidato dal Tribunale di Bari che ha disposto la scarcerazione dell’imprenditore in attesa del processo.

Articoli correlati

Lascia un commento