Home Costume e società Bari, Covid e non solo, Gens Nova fa il punto degli interventi con una rassegna stampa
Gens Nova

Bari, Covid e non solo, Gens Nova fa il punto degli interventi con una rassegna stampa

da Elvira Zammarano

Credere in un mondo migliore si può ed è il primo passo, ma per realizzare ciò che potrebbe rimanere solo un sogno, occorre l’impegno di tutti e tanti buoni esempi. Le associazioni  che cercano nella quotidianità di trasformare “in possibile”, ciò che la maggior parte di noi ritiene “impossibile”, sono tante. E questo ci fa comprendere che il desiderio è comune, ovvero che la voglia di un mondo migliore è più grande di chi pensa a questo con la tipica rassegnazione dei vinti.

A battersi per un cambiamento sociale, in prima linea c’è Gens Nova. Un’associazione da sempre vicina alla gente (gens) sofferente e in difficoltà, convinta che un rinnovamento (nova) sia non solo auspicabile ma certamente attuabile. I volontari, animati da tale spirito, si muovono sicuri in questa direzione guidati dal loro presidente, l’avvocato  Antonio La Scala, e con il loro imput, hanno già realizzato e realizzeranno ancora, innumerevoli iniziative di solidarietà sociale.

Dalle donazioni dei DPI alle FF.OO, ai 750 libri donati nel periodo della lockdown al Comune di Bari,  all’interesse per le “nuove e vecchie” vittime di violenza domestica (di solito donne e bambini) che il contenimento sanitario ha fatto drammaticamente emergere. La regia di tutta questa vasta “operazione solidale” messa in campo a livello nazionale, la si deve, innanzitutto, all’ Avv. La Scala e ai Delegati di Gens Nova presenti in Italia: Franco Zerilli, Anna Protopapa, Monica Panizza, Stefania Bonduan, Maurizio Demeis, Luisa Faiella e a tutto il Consiglio Nazionale, che quotidianamente si è speso per essere vicini ai più bisognosi. La rassegna stampa, organizzata con meticolosa attenzione, dunque, vuole essere un testimonianza dell’impegno profuso finora dall’intera compagine associativa, ma come riferisce l’avvocato La Scala, “Mi creda, è solo la punta dell’iceberg…”.

 

Articoli correlati

Lascia un commento