Home Sport Si torna a giocare, dal calcio un messaggio di speranza al Paese
Calcio

Si torna a giocare, dal calcio un messaggio di speranza al Paese

da Francesco Tesoro

Il Governo dopo tre mesi di estenuanti trattative con i vertici della Federazione e della Lega Calcio, autorizza, senza ulteriori intoppi sanitari, dal 20 giugno, la ripartenza delle 3 serie maggiori. Si parla anche di una possibile “Coppa Italia” da disputarsi e concludersi nella settimana precedente. Si tratta però di una riapertura limitata, a porte chiuse e senza pubblico. Gioiscono i Presidenti delle squadre, che ora finalmente potrebbero incassare i compensi per i diritti TV. Forse il vero motivo per cui è stato accettato uno svolgimento così anomalo e anonimo del campionato. Di fatto il ritorno in campo consentirà al calcio italiano di recuperare gran parte delle perdite stimate in oltre 700 milioni di euro. Sicuramente però la cosa ancora più importante è che le società hanno premura di difendere i 100 mila lavoratori del settore.

Dunque, mentre l’Italia riparte, come quasi tutta l’Europa del Calcio, altri Campionati (di Francia, Olanda, Belgio, Cipro, Galles, Gibilterra e Scozia), sono stati dichiarati conclusi. In ogni caso le regole rimangono quelle, nel caso di positività di 1 calciatore, tutta la squadra andrà in quarantena con il successivo congelamento delle classifiche e la non assegnazione del titolo, parola del Comitato Scientifico.

Articoli correlati

Lascia un commento