Home Costume e società Puglia, Multa per 5 ragazzini senza mascherina, il parroco, “E’ abuso di potere!
Puglia, Carabinieri multano 5 ragazzini senza mascherina, il parroco insorge, “E’ abuso di potere!”

Puglia, Multa per 5 ragazzini senza mascherina, il parroco, “E’ abuso di potere!

da Elvira Zammarano

È accaduto qualche giorno fa a Patù, un piccolo Comune in provincia di Lecce. 5 ragazzini sono seduti su una panchina e chiacchierano, ma  senza indossare le mascherine. Una pattuglia di Carabinieri li scopre e oltre alla ramanzina, li sanziona.

La multa è salata ( 1400 euro) e andrà a gravare ulteriormente sulle condizioni economiche, già tanto difficili,  di famiglie che cercano, senza lavoro, di sopravvivere. Il parroco del paese, don Biagio Errico, non ci sta e sbotta sulla sua pagina Facebook con un lungo post al vetriolo, poi rimosso.

Rivolgendosi a coloro che definisce “ maestri del nulla”, scrive, “Come fai ad attribuire una multa imbarazzante a dei ragazzi che non hanno mai spacciato, rubato o commesso reati molto più grandi del semplice indossare la mascherina?”. “Come fai a sottrarre centinaia e migliaia di euro a delle famiglie che già fanno fatica ad andare avanti in questo periodo?”. “Domani andrò a pagare io la multa di 1.400 euro per questi cinque ragazzi”, afferma don Biagio. “Sono tutti della parrocchia, non spacciano, non si drogano, li avevo chiamati io per darmi una mano in chiesa. Avevano finito di aiutarmi” e “Appena sono usciti dalla chiesa c’erano i carabinieri che li hanno subito multati”. Poi, conclude amareggiato, “Andate a controllare le parti più oscure del paese, dove c’è lo spaccio della droga, l’abuso di alcool e di gioco d’azzardo anziché rubare alla povera gente che si sforza ogni giorno di rispettare una legge che neppure voi capite. Vergogna! E che questo peccato ricada sulla coscienza di tutti”.

Mascherine che non si trovano o, se si trovano, vendute a prezzo d’oro, accompagnate, di contro, dalle continue “rassicurazioni” del Governo sui prezzi sociali e sulla loro facile reperibilità. Alla  fine, però, ciò che resta concretamente, sono le multe ( e lo sdegno).

Articoli correlati

Lascia un commento