Home Sport Covid19 – Sport all’aria aperta e in sicurezza, forse dopo il 4 maggio
Covid19 – Sport all’aria aperta, forse dopo il 4 maggio

Covid19 – Sport all’aria aperta e in sicurezza, forse dopo il 4 maggio

da Elvira Zammarano

“Dobbiamo dare maggiore libertà di movimento ai cittadini e la soluzione possibile è questa considerando anche il senso di responsabilità delle persone”, lo ha annunciato ieri il Sottosegretario Pierpaolo Sileri. Saranno consentiti probabilmente le camminate e lo jogging anche oltre i limiti di tempo e spazio consentiti finora, ma le palestre restano ancora chiuse. Per gli allenamenti individuali degli atleti, il ministro Spadafora, invece, dà il via libera, sempre secondo le norme di sicurezza individuate.

Per il Governo, naturalmente tutto sarà calibrato all’andamento dell’epidemia anche se, come ha detto Sileri, dare la possibilità alle persone di fare sport all’aria aperta, nonostante i centri sportivi e le palestre siano destinati ancora  a rimanere chiusi probabilmente per lungo tempo, significa aiutare la gente a riprendere gradualmente contatto con gli spazi esterni.

Ovviamente, le regole e le distanze di sicurezza saranno il nostro nuovo modus vivendi per evitare i rischi del contagio. Per quanto riguarda gli atleti, in una lettera del 10 aprile scorso, il ministro Spadafora invitava “Di voler attivare le Federazioni e gli altri soggetti del sistema sportivo affinché la ripresa degli allenamenti e delle attività avvenga, presumibilmente dal 4 maggio, nel più rigoroso rispetto delle prescrizioni di sicurezza che saranno individuate d’intesa con le autorità sanitarie e gli organismi scientifici”.

Articoli correlati

Lascia un commento