Home Salute Bari – Polmone artificiale ed efficienza medica, salvano donna covid in gravissime condizioni
Bari – Polmone artificiale ed efficienza medica, salvano donna covid in gravissime condizioni

Bari – Polmone artificiale ed efficienza medica, salvano donna covid in gravissime condizioni

da Elvira Zammarano

La donna, 47 anni, era giunta al Policlinico di Bari in gravissime condizioni. Ricoverata in terapia intensiva, la paziente è stata trattata per cinque giorni con l’Ecmo (Extra Corporeal Membrane Oxygenation – Ossigenazione extracorporea a membrana). Un sofisticato sistema per l’ossigenazione del sangue che ha influito positivamente sulla graduale ripresa della funzione polmonare gravemente compromessa.

Il sistema Ecmo è composto da una pompa, un ossigenatore e un riscaldatore di sangue e la tecnica di circolazione extracorporea viene effettuata mediante l’incannulazione di vene centrali (solitamente giugulare interna o femorale) e arteria, e può essere utilizzata solo se la funzione cardiaca sia preservata, non fornendo alcun supporto emodinamico, se non indiretto.

Per il professor Salvatore Grasso, primario del reparto, Ecmo è stata  l’ultima possibilità per salvare la donna, “La paziente aveva manifestato una gravissima ipossiemia refrattaria e siamo intervenuti con Ecmo, un sistema che nelle Terapie intensive rappresenta l’ultima chance al Policlinico di Bari, grazie all’organizzazione che avevamo disposto per tempo, siamo ancora in grado di assicurare l’alta intensità di cura facendo anche i tentativi più estremi per salvare la vita dei nostri pazienti affetti da Covid19”.

Il direttore generale del Policlinico di Bari, Giovanni Migliore, sottolinea con orgoglio, l’efficienza sanitaria del reparto, “Grazie a un’equipe altamente specializzata e a tecnologie sofisticate siamo in grado di offrire le migliori cure ai pazienti Covid: non solo le terapie convenzionali, ma anche i trattamenti salvavita di avanguardia. L’Ecmo è un’eccellenza della nostra sanità, di cui siamo orgogliosi, che ci consente di offrire risposte ai casi più gravi e di salvare vite”.

Attualmente la donna si trova nel reparto di terapia semi intensiva seguita sempre con la stessa attenzione e premura e presto potrà tornare a casa dai suoi cari.

Articoli correlati

Lascia un commento